Il varo della manovra correttiva per il biennio 2011-2012 (che potrebbe arrivare a 27-28 miliardi) è possibile già nel Consiglio dei ministri convocato per martedì prossimo. L'accelerazione dei passaggi per il via libera al decreto legge e al disegno di legge «ordinamentale» con tutte le misure è maturata - dopo che il ministro Giulio Tremonti ne ha illustrato i contenuti al premier - anche per dare segnali chiari e immediati in presenza di forti tensioni sui mercati. Dopo l'incontro il ministro è salito al Quirinale per la presentazione al capo dello stato, Giorgio Napolitano. Confermato l'impianto base degli interventi: in buona parte si tratta di tagli strutturali alla spesa, con una maxi-sforbiciata sugli enti, misure su previdenza e pubblico impiego; mentre il pacchetto fiscale punta in particolare sulla lotta all'evasione. Dalla sanità tagli per 2,5 miliardi e un possibile ticket da 7,5 euro sulla specialistica. La presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, ha lanciato un appello all'unità delle forze politiche per combattere la crisi.

 

Shopping24