House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Una storia epica d'arti marziali per John Woo (e Su Chao-pin)

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 settembre 2010 alle ore 21:56.

Sarà quasi impossibile per il pubblico veneziano ricordarsi di «Reign of Assassins» come di un'opera (anche) dello sconosciuto Su Chao-pin. Tutti i riflettori sono infatti (giustamente) puntati su John Woo, premiato quest'anno con il Leone d'Oro alla carriera, che del film è però "soltanto" il co-regista.
Su Chao-pin, da circa un decennio uno dei più promettenti sceneggiatori taiwanesi, è alla sua quarta fatica registica; per John Woo si tratta invece dell'ultima tappa di un lungo percorso iniziato negli anni '60 e che ha avuto il suo apice fra la fine degli '80 e l'inizio dei '90, grazie a titoli come «The Killer» o «Bullet in the Head», prima della trasferta americana che ha segnato un decennio della sua carriera.

Ambientato in Cina nel 428 d.C., «Reign of Assassins» racconta la storia di una celebre spadaccina che decide di cambiare volto e nome per sfuggire a una taglia messa sulla sua testa da una banda di assassini. Nel momento in cui sembra essere riuscita a cambiare vita, sposandosi con un uomo in apparenza semplice e tranquillo, il passato che pensava di aver allontanato per sempre tornerà a bussare alla sua porta.

Nei panni della protagonista c'è la brava attrice malese Michelle Yeoh, nota al pubblico occidentale per i suoi ruoli ne «La tigre e il dragone» e in «Memorie di una geisha».

John Woo, dopo essere tornato a girare le sue pellicole in Cina con il precedente «La battaglia dei tre regni» (uscito nelle sale italiane meno di un anno fa), racconta così con «Reign of Assassins» ancora una storia epica, che appartiene direttamente al filone dei wuxiapian (il "cappa e spada" cinese): genere che ha avuto il suo massimo sviluppo negli anni '60 e '70, ma con il quale in tempi più o meno recenti si sono già confrontati registi del calibro di Wong Kar Wai («Ashes of Time» del 1994), Ang Lee («La tigre e il dragone» del 2000) o Zhang Yimou («Hero» del 2002).

Rispetto ai registi sopra citati l'approccio di Woo (in questo caso) risulta più leggero, quasi che il suo desiderio non sia solo di divertire il pubblico ma anche di divertirsi lui stesso.
Ai tanti momenti epici, e agli splendidi duelli coreografati simili a balletti, si uniscono nel film situazioni comiche e personaggi divertenti che rendono quest'opera molto diversa dalla maggior parte delle pellicole appartenenti al medesimo genere.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Ang Lee | Cina | Cinema | John Woo | Michelle Yeoh | Su Chao-pin | Wong Kar Wai | Zhang Yimou

 

In mezzo a tante proiezioni veneziane quest'anno basate su storie difficilmente digeribili e registi che, soprattutto nelle sezioni collaterali, si prendono davvero troppo sul serio, «Reign of Assassins» (che ricordiamo essere fuori concorso) rappresenta, seppur nella sua semplicità, una piccola boccata d'aria fresca che regala agli spettatori (quasi) due d'ore di puro e semplice intrattenimento.
Il merito, ricordiamolo, non è soltanto di John Woo, ma anche di Su Chao-pin.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Object not found!

Object not found!

The requested URL was not found on this server. If you entered the URL manually please check your spelling and try again.

If you think this is a server error, please contact the webmaster.

Error 404

212.45.99.77
Wed Feb 21 06:28:13 2024
Apache/2.2.12 (Linux/SUSE)

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da