House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Il tedesco «On the Other Side of Life» vince il Milano Film Festival 2010

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 20 settembre 2010 alle ore 22:32.

Nel corso del 2009 televisioni e giornali hanno mostrato la faccia migliore del Sudafrica per propagandare un'immagine positiva del paese alle porte dei mondiali di calcio di quest'anno.
Molto diverso è stato l'approccio dell'universo cinematografico che, nello stesso periodo, ha invece raccontato controversie e problemi della nazione dove venne istituito l'apartheid.
Prima c'è stato «District 9», film dell'esordiente neozelandese Neill Blomkamp, che ha rappresentato la segregazione razziale attraverso la metafora dell'arrivo degli alieni su Johannesburg; poi ci si è messo addirittura Clint Eastwood che in «Invictus» parte dalla scarcerazione di Nelson Mandela e, passando per la sua elezione a presidente, arriva a raccontare la vittoria sudafricana nella Coppa del Mondo di rugby del 1995 come simbolo del successo della politica di Mandela stesso.

Decisamente meno nota rispetto a questi due è la pellicola tedesca «On the Other Side of Life», vincitrice della quindicesima edizione del Milano Film Festival.
Diretto dagli esordienti Stefanie Brockhaus e Andy Wolff, il film è incentrato attorno alla vita di Lucky e Bongani, due fratelli adolescenti che vivono nella periferia di Città del Capo.
Costretti ad abitare in una baracca, i due condividono tutto: dal letto al cibo fino a un'accusa di omicidio.

La grande differenza fra questa pellicola e le altre, con protagonista il Sudafrica, sta nel fatto che «On the Other Side of Life» è un documentario.

La coppia Brockhaus-Wolff segue i due protagonisti dai giorni trascorsi in carcere fino al compimento del rito d'iniziazione verso l'età adulta, consumato in cima a un'alta collina insieme agli anziani della loro comunità.

Sentiamo i commenti di Lucky e Bongani che raccontano alla cinepresa la loro vita, li vediamo mentre cantano felici e mentre hanno momenti di sconforto.

La modalità documentaristica da una parte dà una spruzzata d'originalità sulla rappresentazione del Sudafrica al cinema, dall'altra è però il grande limite che questo film ha.

Mancano di spontaneità tante sequenze in cui i due protagonisti parlano e discutono con i loro coetanei e conoscenti. La presenza della macchina da presa non dovrebbe sentirsi nei documentari, la vita dovrebbe procedere come se nessuno la stesse filmando, ma questo non avviene quasi mai in «On the Other Side of Life».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Andy Wolff | Brockhaus-Wolff | Clint Eastwood | Cultura | Neill Blomkamp | Nelson Mandela | Stefanie Brockhaus | Sudafrica

 

Il "tocco" dei registi rimane sempre molto pesante, calcolato, costruito, dando così l'impressione che buona parte del loro lavoro sia stata scritta a tavolino o, quantomeno, che (come è normale che sia) i due ragazzi si comportino sempre sapendo di essere ripresi.

La parte più efficace è quella del rito d'iniziazione, in cui si "documentano" realmente le fasi di un'antica tradizione che le vecchie generazioni cercano di trasmettere a quelle più giovani.

Con la vittoria al Milano Film Festival «On the Other Side of Life» otterrà di sicuro maggiore notorietà di quella avuta finora (seppur certamente non pari a quella di «District 9» o «Invictus»), anche se rimangono davvero molti dubbi che questo documentario sull' "altra faccia" del Sudafrica fosse davvero il miglior film del concorso della manifestazione milanese.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da