House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Uomini di Dio. Il film sui monaci uccisi in Algeria fa il pieno d'incassi in Francia

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 27 settembre 2010 alle ore 21:45.

PARIGI. È davvero un piccolo miracolo quello che padre Christian de Chergé e i suoi monaci cistercensi stanno facendo in questi giorni in Francia. Des Hommes et des Dieux, il film di Xavier Beauvois che racconta gli ultimi tre anni della loro vita nel monastero di Tibhirine, nell'Atlante algerino, prima di essere rapiti e uccisi, sta sbancando il box office.

Certo, il film aveva ottenuto il Gran Premio al Festival di Cannes e rappresenterà la Francia agli Oscar, ma «francamente – dice sorridendo Delphine Benroubi, che gestisce una rete di 130 sale indipendenti sparse in tutto il paese – un film di oltre due ore, lento ed essenziale, su un gruppo di preti in un convento dell'Algeria, per di più premiato a un festival, sa talmente di cinema d'essai da tenere lontano il grande pubblico».

Ed è quello che senz'altro temeva il distributore, che aveva prudentemente messo in circolazione 252 copie. Invece, dopo due settimane in sala, Des Hommes et des Dieux (che il 22 ottobre arriverà in Italia con il titolo Uomini di Dio) ha brillantemente superato quota un milione di spettatori, surclassando Ben Affleck e Angelina Jolie, le copie in circolazione sono diventate 424 e Delphine ha deciso che le sue sale lo terranno in cartellone almeno fino a novembre.

A funzionare è stato il bouche-à-oreille, il passaparola. Chi l'ha visto non ha potuto evitare di sollecitare amici e parenti: dovete andare, è un film doloroso, un film che fa piangere (soprattutto la scena dell'ultima cena con Tchaikovsky in sottofondo), ma una boccata di aria fresca. Nel film c'è tutto quello che non c'è nella nostra vita quotidiana, o almeno nella vita quotidiana di molti di noi. Una storia vera, una storia semplice, una storia umile, una storia coraggiosa. Una storia di rinunce volontarie e felici, di sottrazione, di dedizione, di valori veri. Di sette uomini che vanno serenamente verso il sacrificio. Una fantastica storia d'amore.

Non c'è violenza, nel film. Il rapimento di padre Christian, il priore, 59 anni (un eccezionale Lambert Wilson), di padre Luc, 82 anni, di padre Bruno, 66, di padre Céléstin, 62, di padre Paul, 57, di padre Michel, 52, e di padre Christophe, il più giovane, con i suoi 45 anni, non viene raccontato. Come non c'è il ritrovamento delle loro teste (i corpi, quelli, sono svaniti nel nulla del deserto algerino). E non c'è neppure la guerra civile, tra i militari e gli estremisti islamici del Gia. Che si immagina soltanto, con la tensione che sale, intorno al monastero. E loro, uomini e santi, che decidono di non partire, di non fuggire, di rimanere vicini ai loro fratelli musulmani. E di non difendersi. Da chi poi? Da che cosa?

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Algeria | Angelina Jolie | Ben Affleck | Chi l'ha visto? | Christian de Chergé | Cinema | Delphine Benroubi | Francia | Gia | Lambert Wilson | Xavier Beauvois

 

Il film non prende neppure posizione sulle diverse tesi che si sono via via aggiunte a quella ufficiale secondo cui un gruppo di terroristi del Gruppo islamico armato ha rapito i monaci nella notte tra il 26 e il 27 marzo 1996 per poi decapitarli alcune settimane più tardi. C'è infatti chi sostiene che si sia trattato di una montatura organizzata ad arte dai servizi algerini per screditare il Gia, alimentare il clima di terrore e di adesione alla politica di repressione dei militari. Ed è giusto così. Politicizzato, il film avrebbe perso la sua straordinaria dimensione spirituale.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da