House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Vagabondi per l'America

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 ottobre 2010 alle ore 08:06.

di Roberto Duiz
È stato John Steinbeck a battezzare Mother Road la lunga strada, che dall'industriale Chicago, Illinois, scendeva arzigogolando incerta a sud fino a svoltare quasi improvvisamente e puntare decisa in direzione dell'Oceano Pacifico, per andare a morire sulla spiaggia di Santa Monica, California. In realtà si chiamava Route 66 ed era stata inaugurata ufficialmente nel 1926, dopo che era stato gettato asfalto sulle tracce lasciate dai carri dei pionieri dell'epopea del secolo precedente per fungere da prima passerella alla celebrazione del trionfo dell'automobile. Quando Steinbeck ne percorse ampi tratti, pochi anni dopo, quella "festa" era già finita. Ed era cominciata un'altra epopea, quella degli Okies della Grande Depressione, che da est e da nord si rinfilavano nel grembo di Mamma (appunto) America per provare a resettare la propria vita e andare a rinascere con più fortuna nella Terra Promessa, che come da manuale mitologico stava sempre a ovest. Intitolò The Grapes of Wrath, lo scrittore, il frutto letterario di quel suo tampinamento di anime vagabonde, che nella traduzione italiana fu, più semplicemente, Furore. John Ford ne trasse un film che non sfigurò nei confronti del romanzo. Contemporaneamente, su quella strada c'era Woody Guthrie, che le stesse storie raccoglieva per restituirle in forma di ballate. Quel trittico letterario-cinematografico-musicale compone dichiaratamente lo zoccolo duro dell'immaginario e dell'ispirazione di Bruce Springsteen, figlio della highway culture americana, il cui brano giovanile più celebre si intitola The Promised Land e le cui canzoni sono spesso percorse da automobili che trasportano outsiders d'ogni specie e provenienza. Quasi inevitabile, dunque, che una volta rallentata la sua corsa, dopo il travolgente (anche per lui) successo rock di Born in the Usa, ritrovando il passo più narrativo e intimo del folk, finisse per trovarsi a ripercorrere quella vecchia strada, per affiancarsi a Tom Joad, protagonista di Furore e capostipite dei suoi personaggi: operai e disoccupati, hobos e reduci di guerra, fuorilegge e sognatori.
A ricostruire l'itinerario di Bruce, artistico, culturale ed emozionale, dà un sostanzioso contributo Marina Petrillo con Nativo americano (Feltrinelli). Vedendolo sul palco durante la tournée di The ghost of Tom Joad ('95), con la chitarra acustica in grembo e quella elettrica lasciata chiusa nella custodia, l'autrice scrive: «Il movimento rallentato e faticoso dei personaggi di questi concerti sembra percorrere l'arteria 66 di Furore, il grande itinerario dei popoli nomadi, sul quale le famiglie migranti si spostavano come tribù in un esodo biblico…». In mezzo ci sono gli scioccanti libri-inchiesta e reportage americani degli anni '80 e '90, che dimostrano come quell'umanità non si sia estinta con il New Deal ma ciclicamente si riproduca, anche se sceglie altri itinerari. Perché nel frattempo la Route 66 era caduta in stato d'abbandono, rimpiazzata da highway più scorrevoli fino a essere ufficialmente decertificata e cancellata dalle mappe stradali. Per essere riscoperta, infine, dalla metà degli anni Ottanta in poi, ridotata di segnaletica e via via resa di nuovo percorribile per intero, non più come main street qual'era stata, ma come sorta di museo a cielo aperto dei simboli e dei miti a cui gli americani non intendono rinunciare. Ripopolate le cittadine che sembrano set cinematografici e che erano diventate ghost-town, riaperti motel, diners e distributori con insegne al neon che sembrano opere di pop-art spontanea. Non c'è itinerario americano che racconti meglio l'America, evocando letteratura, cinema e musica on the road. Curioso che il compito tocchi proprio a quella strada lungo la quale l'American Dream ha cominciato a vacillare.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alamo | Ariston | Bruce Springsteen | Cinema | Feltrinelli | Jean Baudrillard | John Ford | John Steinbeck | Marcos y Marcos | Marina Petrillo | Okies | Route 66 (software) | Sam Shepard | Stati Uniti d'America | Woody Guthrie

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Auto, Harley, bus
Ariston Cafe
1Pete Adams e Tom Cockins lo inaugurarono nel 1935 a Litchfield, Illinois. Oggi non ha più le due tipiche pompe di benzina davanti, ma continua a servire agli affamati "routies" le sue specialità, a partire dall'Illinois pork fino ai dessert (pare siano imperdibili il lemon e il chocolate delight).
I 3.755 km della Route 66 separano le acque del lago Michigan di Chicago da quelle dell'oceano californiano di Santa Monica. Il costo di un viaggio di andata su Chicago e di ritorno da Los Angeles
va dai 665 euro partendo da Roma, oppure 611 euro partendo da Milano.
Il mezzo preferito dai routies è ovviamente l'auto: si può noleggiare da Alamo (per 15 giorni a partire da 187 euro), ma si può provare anche il brivido di un viaggio in Harley-Davidson o il confort di un autobus: i tour di 15 giorni organizzati da Reuthers costano rispettivamente 8.855 e 3.928 dollari.
Cratere di Barringer
1Per gli appassionati di astronomia la zona di Flagstaff, in Arizona, merita una sosta: troveranno il cratere Barringer, orma di un meteorite del diametro di 1,2 km, e l'osservatorio Lowell, dal quale nel 1930 si individuò per la prima volta Plutone.
Cadillac Ranch
1«Cadillac, Cadillac, che strappi la strada come un vecchio dinosauro», canta Bruce Springsteen in Cadillac Ranch, canzone ispirata alla scultura-installazione di Amarillo, Texas, composta da dieci Cadillac rottamate, dipinte e infilate nel terreno dal 1974.
Wigwam Motel
1Anche se il servizio non è da cinque stelle, dormire in uno dei "tepee" (tende indiane) del Wigwam Motel, costruito nel 1949, è un'esperienza da provare. Il più celebre è a San Bernardino, California, ma lungo la Route 66 ce n'è un altro in Arizona (da 55 dollari).
Tre titoli in valigia
Da portarsi appresso sulla Route 66, oltre Furore, s'intende...
1 Questa terra è la mia terra di Woodie Guthrie (Marcos y Marcos) autobiografia di un vagabondo con chitarra e armonica;
1Hotel Chronicles di Sam Shepard (Feltrinelli) scene e umori di frontiera secondo uno scrittore cowboy;
1L'America di Jean Baudrillard (Feltrinelli) paesaggi e miti americani visti con occhi europei.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da