House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

La memoria di via Tuscolana

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 09 ottobre 2010 alle ore 08:04.

o Morreale
Sulla Tuscolana, di fronte a Cinecittà, in una posizione simbolica e strategica: ecco il luogo in cui, nell'aprile 1939, fu inaugurato il Centro sperimentale di cinematografia. Edifici razionalisti, con interni déco, tanto curiosi che quasi mezzo secolo dopo Bernardo Bertolucci vi avrebbe ambientato alcune scene dell'Ultimo imperatore fingendo che fosse la Manciuria.
Ma il Centro festeggia in queste settimane i suoi 75 anni, perché era già stato istituito nel 1935, e proprio nella seconda metà di quel decennio aveva vissuto uno dei suoi periodi di maggior splendore. A dirigerlo fu chiamato Luigi Chiarini, critico, regista e discepolo di Giovanni Gentile. Un direttore tutt'altro che frondista, ma sotto la cui ala si formò un laboratorio di opposizione al regime, e fu allevato il futuro neorealismo: dirigenti comunisti come Mario Alicata, giornalisti liberali come Mario Pannunzio, registi come Pietro Germi, Giuseppe De Santis e Michelangelo Antonioni si formano tra il Centro e le pagine della rivista «Cinema». E, curiosità, qui studia anche il futuro premio Nobel per la letteratura Gabriel Garcia Marquez.
In seguito, il rapporto tra Centro sperimentale e mondo del cinema è altalenante. In un primo momento perché un'industria fiorente ma sempre avventurosa come quella del cinema italiano reclutava le sue forze in maniera più "artigianale" e informale. Poi perché, entrato in crisi il cinema, il centro ha finito per rifornire di tecnici e creativi soprattutto la televisione. Anche se non mancano nomi noti tra gli ex-allievi: direttori della fotografia come il più volte premio Oscar Vittorio Storaro, o registi come Carlo Verdone, Francesca Archibugi, Paolo Virzì. Ma soprattutto tecnici, scenografi, costumisti, attori (da Claudia Cardinale a Modugno, alla Carrà). Alcuni momenti sono ricordati come sperimentazioni singolari, come il periodo post '68 in cui Roberto Rossellini, all'epoca nella fase della sua sperimentazione didattica per la televisione, provò nuove forme di insegnamento e rapporto con gli studenti, immaginando una formazione aperta alla multimedialità e alle diverse branche del sapere, con corsi di psicologia, storia, economia e sociologia.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Anthony Hopkins | Carocci Editore | Centro Sperimentale di Cinematografia | Charlotte Gainsbourg | Cinecittà | Consiglio d'Europa | Fabrizio Bentivoglio | Italia | Laura Linney | Luigi Chiarini | Pietro Germi | Roberto Rossellini | VALORIZZARE

 

Una seconda data è importante per la storia di questo luogo: il 1949, quando all'interno del Centro viene istituita la Cineteca nazionale, con l'obbligo per i produttori di depositare una copia di ogni film prodotto o coprodotto in Italia. La cineteca era nata per scopi interni e aveva finito per raccogliere una quantità enorme di materiali, grazie all'impegno di un intellettuale come Umberto Barbaro, noto antifascista. Ma dopo l'8 settembre, i nazisti avevano sequestrato molti materiali e li avevano spediti in Germania. Del treno con le pellicole si persero le tracce tra i bombardamenti: per questo gran parte della produzione italiana fino a quell'epoca è andata perduta.
La Cineteca nazionale oggi possiede dunque un enorme patrimonio, ma ha crescenti difficoltà economiche nel conservarlo e gestirlo. Restaurare, o anche solo stampare, una copia in 35mm, ha costi non indifferenti (da 40mila a oltre 100mila euro, come nel caso del Gattopardo, il cui restauro è stato possibile solo grazie a una sponsorizzazione privata). Eppure, la revisione e il confronto con il canone e la tradizione resta un momento fondamentale della formazione culturale, e non solo dei registi. «Il consiglio d'Europa e i ministri della Cultura europei ci sollecitano a lavorare anche per preservare la memoria – ricorda il conservatore della Cineteca, Enrico Magrelli –: ma solo il 10% del cinema muto è giunto fino a noi. Una delle nostre attività è mettere in sicurezza le vecchie pellicole, i cosiddetti nitrati. È fondamentale lavorare alla digitalizzazione, per tenere il passo con le nuove tecnologie».
Non mancano le sorprese: al prossimo «Festival del cinema di Roma» (28 ottobre-5 novembre) sarà proiettata la copia restaurata della Dolce vita di Federico Fellini, e sono stati ritrovati i negativi che permetterebbero di ricostruire la copia in 3D di Il più comico spettacolo del mondo, film con Totò del 1953. Il rischio è che il peso dello Stato, con la sua burocrazia, e del passato, con il suo carico di memorie sulle quali talora ci si adagia, funzioni da blocco. La sfida è portare nel mondo dei new media la storia del cinema italiano, che in quei pochi chilometri quadrati ha visto momenti fondamentali della propria storia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Dove andare e che cosa vedere
L'istituzione
Il Centro sperimentale di cinematografia è una scuola finalizzata alla formazione dei quadri tecnici e artistici del cinema italiano. Gli indirizzi attuali comprendono regia, sceneggiatura, recitazione, fotografia, montaggio, tecnica del suono, produzione, scenografia, arredamento e costume.
Fu istituito nel 1935, ma in realtà era attivo già dal 1932 come istituto semi-ufficiale.
Il sito prescelto per la sua sede fu sulla via Tuscolana, molto vicino agli stabilimenti di Cinecittà, quasi a creare una ideale sinergia tra l'industria e la formazione dei nuovi quadri. Insieme al centro fu creata una cineteca, che prima ebbe un uso solo didattico, ma nel 1949 venne istituita come Cineteca nazionale. Nello stesso anno viene stabilito il deposito di legge: una copia di ogni film di produzione o co-produzione italiana deve essere consegnata alla Cineteca nazionale. I film possono essere richiesti da associazioni e privati per proiezioni pubbliche. Molti film sono anche visibili in Dvd o Vhs presso la videoteca del Centro.
La mostra
Si intitola Dive. Donne del cinema italiano: Le stelle del cinema sotto le stelle la mostra allestita al Centro in occasione del suo 75esimo anniversario. L'esposizione, aperta fino al 3 novembre, si compone di 160 foto ed è corredata da 6 video con immagini e interviste.
La mostra è visitabile anche on-line all'indirizzo www.fondazionecsc.it

La pubblicazione
Bianco e Nero, rivista edita dal Centro dedica il nuovo numero a «L'università del cinema. I primi anni del Csc (1935-1945)», a cura di Alfredo Baldi e Silvio Celli (Carocci editore, € 18,00)

Il cinema
Il Centro gestisce anche una sala nel centro di Roma, che prevede un articolato programma di proiezioni,incontri e rassegne. L'indirizzo è: Cinema Trevi, vicolo del Puttarello 25, Roma.
Il programma è consultabile anche online: http://www.fondazionecsc.it/context.jsp?ID_LINK=307&area=6

La Cineteca nazionale
La Cineteca ha anche tre sedi regionali:
in Lombardia (Corso di Cinematografia d'impresa: Documentario e Pubblicità e Corso di Creazione e Produzione Fiction);
in Piemonte (corso di animazione);
e in Sicilia (corso di documentario artistico e docu-fiction)

Il sito
Schede storiche e approfondimenti sui protagonisti del cinema italiano, all'indirizzo: www.snc.it

«The town», di Ben Affleck, con Ben Affleck, Rebecca Hall, Jon Hamm, Jeremy Renner. Thriller psicologico, 125'.
«Una sconfinata giovinezza»
di Pupi Avati, con Fabrizio Bentivoglio, Francesca Neri, Serena Grandi, Gianni Cavina, Lino Capolicchio. Drammatico, 98'.
«Quella sera dorata», di James Ivory, con Anthony Hopkins, Laura Linney, Charlotte Gainsbourg, Omar Metwalley, Hiroyuki Sanada. Drammatico,118'.
«Step Up 3D» di Jon Chu, con Rick Malambri, Shami Vinson, Alyson Stoner, Steven Boss. Musicale, 107'.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da