House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica Archivio

La Spagna riceve un regalo da Oscar

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 19 dicembre 2010 alle ore 17:18.

Ai primi visitatori è sembrato una stazione spaziale coi suoi dischi volanti in attesa di decollo. Per la stampa spagnola è «la piccola Brasilia delle Asturie». Ai cittadini di Aviles sembra il «Guggenheim di Bilbao».

Il Centro Cultural Oscar Niemeyer di Aviles è il primo progetto spagnolo del grande architetto brasiliano che ha compiuto 103 anni proprio il giorno della sua inaugurazione, il 15 dicembre scorso. È un dono personale del padre di Brasilia alla città che, nel 1981, venne dichiarata la zona più inquinata di Spagna e che oggi spera di rinascere, come Bilbao, attorno a un edificio avveniristico.

Una decisione improvvisa e spontanea, quella di Niemeyer. Nel 2005, quando il direttore della Fondazione Principe delle Asturie gli raccontò che per il 25º anniversario Daniel Barenboim avrebbe dato un concerto e Woody Allen promesso di girare un film, l'architetto rispose: «Bene, io vi regalerò un edificio». La cupola bianca dell'auditorium e il suo spettacolare e vertiginoso interno sono il più vistoso colpo a effetto del centro, che comprende la curva rovesciata della grande sala da spettacoli, una torre-mirador sulla città e una serpeggiante striscia di negozi.

Nel 2007 venne aperto il cantiere, pensato come il cuore della futura «Isola dell'Innovazione» disegnata da Norman Foster con boulevard, parchi verdi, aree per sport e il tempo libero, e terminal per navi da crociera lungo i canali e il fiume Nervion.

Nelle intenzioni dei promotori, il Centro Niemeyer di Aviles dovrà essere il vero motore della rinascita culturale e turistica della città, con una capacità di attrazione già collaudata con le spettacolari incursioni della star-architect Brad Pitt, che nell'agosto 2009 si è fatto fotografare con il casco da cantiere mentre si arrampicava sulle ardite impalcature dell'astronave in costruzione.

Ma il turbinio di iniziative non mette affatto in ombra il merito principale del centro, che è la sua architettura e il carisma indiscutibile del suo autore la cui energia intellettuale sembra essere galvanizzata più che frenata dall'età. Dopo aver firmato opere che sono altrettanti capitoli della storia dell'architettura mondiale (in Italia il capolavoro è il Palazzo Mondadori a Segrate), Oscar Niemeyer, per nulla spaventato dalla tecnologia digitale, non pare intenzionato a farsi da parte, rivendicando il suo ruolo di apripista del modernismo internazionale che oggi rivive nelle architetture di Frank Gehry o di Zaha Hadid.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Arte | Asturie | Aviles | Bilbao | Brad Pitt | Brasilia | Daniel Barenboim | Fondazione Principe | Frank Gehry | Italia | Norman Foster | Veronica Goyzueta | Woody Allen | Zaha Hadid

 

«Il centro di Aviles – ha confessato l'architetto centenario a Veronica Goyzueta del quotidiano "ABC" – segna un momento importante nella mia traiettoria di architetto, nella mia incessante ricerca di un'architettura più leggera che cerca di sorprenderci in questo gioco di volumi e spazi liberi».

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da