House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Da «Senso» a «Il caimano», a Bologna la storia d'Italia rivive in 80 film

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 gennaio 2011 alle ore 18:42.

«Qui si fa l'Italia o si muore!»: la leggenda vuole che Giuseppe Garibaldi pronunciasse al generale Nino Bixio (durante la battaglia di Calatafimi del maggio 1860) quest'intimazione che oggi è diventata popolarmente la citazione simbolo dell'intero risorgimento.
Al di là della veridicità della battuta, Garibaldi stesso difficilmente poteva credere (nonostante il suo ottimismo e le sue speranze) che a meno di un anno di distanza, precisamente il 17 marzo del 1861, l'Unità d'Italia sarebbe stata annunciata.

Oggi, a 150 anni da quella data, il "bel paese" sta cercando di ritrovare un patriottismo degno di celebrare adeguatamente, con molteplici iniziative ed eventi culturali, un compleanno tanto importante.

Fra le proposte più interessanti troviamo quella della Cineteca di Bologna che ha scelto di raccontare i primi 150 anni della storia d'Italia con la rassegna «Da Garibaldi al ‘caimano'. Come il cinema ha raccontato l'Italia»: una retrospettiva imponente dei titoli che meglio hanno rappresentato il nostro paese sul grande schermo.

Nel corso di tutto il 2011 al Cinema Lumière verranno proiettate 80 pellicole divise in 8 sezioni, corrispondenti alle 8 fasi che l'Italia ha attraversato dal momento della sua unificazione a oggi.

Il primo periodo, dedicato al Risorgimento, è quello su cui gli organizzatori puntano maggiormente. Ad aprire questa sezione, e di conseguenza l'intera retrospettiva, uno dei più importanti capolavori del cinema italiano: «Senso» di Luchino Visconti (del quale sarà presentato anche «Il gattopardo» del 1963), con protagonista Alida Valli nei panni di Livia Serpieri, una contessa veneta che s'innamora follemente di un ufficiale viennese sullo sfondo della guerra italo-austriaca del 1866.

Fra i titoli proposti svettano anche alcune chicche cinematografiche d'inizio ‘900 come «La presa di Roma», film del 1905 di Filoteo Alberini, che rappresenta nientedimeno che la prima pellicola proiettata pubblicamente in Italia.

All'interno della rassegna troviamo poi sia registi importanti, come Vittorio De Sica con «Un garibaldino in convento» del 1942, che nomi meno noti come il dimenticato Pietro Nelli del quale verrà proiettato «La pattuglia sperduta»: una pellicola del 1952 che Mario Martone ha dichiarato come fonte più prossima del suo «Noi credevamo».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alida Valli | Bologna | Giuseppe Garibaldi | Luchino Visconti | Luciano Emmer | Luigi Comencini | Mario Martone | Mostre | Silvio Berlusconi |

 

Sarà proprio quest'ultimo imponente lavoro del regista napoletano a chiudere questa prima parte della retrospettiva nella giornata di venerdì 21 gennaio.

Nei mesi successivi saranno di scena i film che hanno rappresentato la prima guerra mondiale (primo tra tutti «La grande guerra» del compianto Mario Monicelli) e il fascismo.

Da aprile a giugno sarà invece la volta del periodo che va dalla seconda guerra mondiale alla transizione verso il boom economico (che sarà protagonista dei mesi estivi). Questo è stato certamente il momento più, creativamente parlando, ricco per il cinema italiano: dalle immagini di miseria del neorealismo si è passati alle visioni concilianti del neorealismo rosa (con titoli come «Pane, amore e fantasia» di Luigi Comencini e «Le ragazze di piazza di Spagna» di Luciano Emmer) e della commedia all'italiana.

A ottobre la sezione su "gli anni della protesta" anticiperà quella conclusiva sui decenni più recenti della nostra storia.

Una storia che oggi non si può che concludere con una pellicola incentrata su Silvio Berlusconi: «Il caimano» di Nanni Moretti che, raccontando la figura che più ha segnato l'Italia contemporanea, si dimostra l'ultimo grande autore del nostro cinema in grado di cogliere le contraddizioni del nostro paese e di riflettere con forza sul momento storico che stiamo attraversando.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da