House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Italia unita nella celluloide

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 16 gennaio 2011 alle ore 08:23.

Immagini cinematografiche: ecco di cosa è disseminato il percorso della mostra «Fare gli Italiani», che verrà inaugurata in pompa magna il 18 marzo a Torino dal capo dello Stato per l'anniversario dei 150 anni dell'Unità d'Italia. «A parte l'archivio fotografico Alinari, le prime testimonianze arrivano dalle pellicole», puntualizza Giovanni De Luna, che quell'itinerario ha contribuito a idearlo, suggerendo titoli come La presa di Roma del 1905 di Filoteo Alberini, storia del paese in sette quadri, con breccia di Porta Pia finale. Lo schermo aiuta a veicolare gusti, a costruire l'identità di popolo: fiero come nel kolossal fiabesco La corona di ferro, diretto da Alessandro Blasetti nel 1941, o aspirante consumista. «Tra il '35 e '40 il cinema è disseminato di marchesi, interni domestici falsi, telefoni bianchi, che instillavano e anticipavano un'idea di consumismo, impensabile sotto il Fascismo», spiega lo studioso.
Per Goffredo Fofi, decano dei critici cinematografici, è Amarcord (1973) di Federico Fellini il film più rappresentativo dell'Italia. «Un capolavoro di antropologia culturale, anche se il pubblico non lo ha amato. Mentre 1860 di Blasetti, Senso di Visconti e Noi credevamo di Martone riescono a raccontare la minoranza cosciente che lotta per creare il paese». Per Fofi il Fascismo si individua nel tessuto sociale di La grande guerra (1959) di Mario Monicelli e in due pellicole di Carlo Lizzani, Cronache di poveri amanti (1953) e Il processo di Verona (1963), mentre le ferite e le umiliazioni della guerra emergono appieno in Roma città aperta di Roberto Rossellini (1945), Estate violenta (1959) di Valerio Zurlini, Tutti a casa (1960) di Luigi Comencini, «che unifica gli italiani del boom in senso antifascista». L'Italia però non è solo storia, ma anche latitudini e longitudini. «I problemi, la povertà e l'immigrazione dal Meridione sono incarnati in modo diverso da Salvatore Giuliano (1962) di Francesco Rosi, Il cammino della speranza (1950) di Pietro Germi, Rocco e i suoi fratelli (1960) di Luchino Visconti. Ma – continua Fofi – fu Divorzio all'italiana (1961) di Germi che nel Mezzogiorno creò entusiasmi e disagi, aprendo la strada all'abolizione del delitto d'onore». La dolce vita di Fellini (1960) e Comizi d'amore di Pier Paolo Pasolini del 1965 fotografano invece una penisola già a suo modo moderna.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Carlo Lizzani | Cinema | Fratelli Alinari Editoria | Luchino Visconti | Luciano Emmer | Mario Monicelli | Massimiliano Fuksas | Pier Paolo Pasolini | Roma | Salvatore Giuliano | Sud

 

Sono invece i caroselli di Luciano Emmer a rappresentare il paese secondo Massimiliano Fuksas, architetto e cinefilo accanito. «Sono dei veri e propri film di pochi secondi sull'Italia. Ma il nostro spirito nella sua espressione più bassa di vigliacca prepotenza è sublimato nel Marchese del Grillo (1981) di Monicelli – spiega Fuksas –, quando storpiando il Belli ammonisce gli altri: «Mi dispiace, ma io so' io e voi non siete un c...».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
online Sul sito del Sole www.ilsole24ore.com la recensione e la gallery della retrospettiva della Cineteca di Bologna: «80 titoli per l'Unità d'Italia»

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da