House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Facebook balcanico

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 febbraio 2011 alle ore 08:22.

Solo due settimane fa il premier albanese Sali Berisha accusava l'opposizione socialista, scesa in piazza per chiederne le dimissioni, di tentare «un colpo di Stato violento alla tunisina».

Dopo i morti e i feriti tra i manifestanti a Tirana, le agitazioni non si sono placate. Il 15 febbraio al «Berlin international film festival» (dal 10 al 20 febbraio) in competizione e in prima mondiale sarà presentato The forgivness of blood dell'americano Joshua Marston – coprodotto e distribuito da Fandango –, film sulla società albanese, in bilico tra regole arcaiche e democrazia. Una scelta che conferma la vocazione politica del festival cinematografico tedesco, che, tra le rassegne di peso, è la più sperimentale e audace per la scelta dei temi e per età anagrafica dei registi. Marston, 43 anni, torna a Berlino dopo il premio per miglior opera prima nel 2004 con Mary full of grace. «Sono felice, ma anche piuttosto nervoso. Sono curioso di vedere come il pubblico accoglierà questo mio nuovo lavoro. Vorrei che fosse chiaro che questo non si tratta del sequel di Mary, ma un'opera completamente diversa», puntualizza Marston.

Dalla Colombia della giovane incinta, che si offre di fare da corriere della droga per guadagnare e poter tenere il figlio, si passa al 17enne Nik, che vive nella parte settentrionale dell'Albania, frequenta l'ultimo anno delle superiori, flirta con una ragazza e sogna di aprire un internet point. La sorella di Nik, Rudina, è una tosta 15enne, brillante studentessa, che spera di frequentare l'università. Ma il cammino delle legittime aspettative è interrotto da assurde leggi tribali. Il padre dei ragazzi, Mark, dopo una lite per un terreno, viene accusato di omicidio.

Alla famiglia del morto, secondo le leggi del Kanun, codice civile balcanico del quindicesimo secolo, spetta il diritto/dovere di lavare l'onta nel sangue, uccidendo un maschio adulto della famiglia avversaria. Mark scappa e la vendetta ricade su Nik, che deve vivere in isolamento. Sarà Rudina a prendersi l'onere di guadagnare per la famiglia, abbandonando gli studi.

«Nell'area balcanica conoscevo solo l'ex Jugoslavia, dove ho viaggiato prima della guerra. Non sapevo però nulla dell'Albania, tranne che era un piccolo paese, isolato dal resto del mondo per decenni, per me affascinante e misterioso. Quando ho letto alcuni saggi che parlavano di tradizioni e fenomeni locali, sono rimasto catturato, tanto da decidere di girare un film su questa realtà. La storia che ho scelto è albanese, ma allo stesso tempo universale. Parla di un ragazzo che usa internet e facebook, scrive sms e parla al cellulare, ma non può uscire di casa. Mi interessava capire come i teenager a contatto con il resto del mondo, si confrontino con una società fortemente patriarcale, dove le donne sono relegate a un ruolo di subordinazione, che impone loro di chiedere il premesso al fratello maggiore o al padre di andare a una festa o proseguire l'istruzione. Volevo capire come un ragazzo di oggi possa accettare di relegarsi alla solitudine per obbedire a leggi arcaiche».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Europa | Governo | Joshua Marston | Nik | Sali Berisha

 

Per il regista Berlino è stata la piazza naturale a cui proporre la nuova opera. «Penso che il pubblico europeo possa capire meglio il mio film, perché l'Albania per gli Stati Uniti è lontana e ha un sapore quasi esotico. Spero che serva agli europei a confrontarsi meglio con una terra vicina senza pregiudizi, come è accaduto con Mary full of grace per gli americani, che nel loro immaginario identificano tutti i colombiani come degli spacciatori. L'Albania fa parte dell'Europa e credo che sia suo interesse cercare di coinvolgerla e integrarla. Soprattutto ora che i mezzi di comunicazione hanno un ruolo molto importante nel creare un processo di democratizzazione più veloce e nel cambiare le mentalità». Per Marston un sintomo di questa doppia velocità, che prima o poi confluirà nella modernizzazione, sono stati i capannelli di vecchietti, seduti a chiacchierare fumando sigarette, abbigliati all'antica come quadri ottocenteschi. «All'improvviso un trillo fermava la conversazione e uno di loro rispondeva al cellulare con un effetto straniante. Questo è il sintomo che l'Albania cambierà in fretta».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da