House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Intervista alla regista Shirin Neshat: «Al Cairo non c'è ideologia, ma voglia di cambiamento»

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 febbraio 2011 alle ore 08:36.

«È affascinante la similitudine tra la forza dei movimenti egiziani e iraniani per la democrazia». Shirin Neshat, regista iraniana, - Leone d'oro a Venezia nel 2009 per Donne senza uomini - come seguendo un presagio ha deciso di ambientare il suo prossimo film in Egitto, che si libera da Hosni Mubarak alla vigilia del 32esimo anniversario della rivoluzione islamica khomeinista. Con la faccia da ragazzina, nonostante i suoi 53 anni, non omette mai di indossare qualche indumento od orpello di colore smeraldo, per sottolineare il suo appoggio all'onda verde, scesa più volte in piazza contro il regime attuale.

«Ero in Egitto in dicembre e ho seguito da vicino i fermenti delle proteste, che abbiamo visto esplodere negli ultimi giorni per abbattere il governo. Qui, come in Iran, i partiti di opposizione non hanno niente di ideologico, vogliono semplicemente il cambiamento. I giovani egiziani, come quelli iraniani, sono cresciuti nella corruzione, in un ambiente oppressivo ed economicamente declinante, tra censura, arresti e torture e desiderano solo che il loro avvenire sia migliore. I punti di comunione tra i nuovi movimenti di ribellione nati nel Medio Oriente sono molteplici, anche se chiaramente si differenziano nelle espressioni di protesta in relazione al governo a cui si oppongono».

Shirin Neshat sceglie di parlare nel giorno dell'anniversario della rivoluzione islamica, anche per ricordare il collega Jafar Panahi, condannato a sei anni di reclusione e all'interdizione per vent'anni dalla professione di regista e sceneggiatore per propaganda anti islamica. La 61esima edizione dell'international film festival di Berlino provocatoriamente proietta oggi pomeriggio Offside, pellicola con cui Panahi vinse l'Orso d'argento nel 2006. Ieri la giuria della rassegna tedesca si è presentata alla stampa lasciando una sedia vuota proprio per il regista, giurato virtuale, dopo il diniego di Teheran di lasciarlo partire per Berlino. «Noi lo aspettiamo», ha detto il presidente della giuria Isabella Rossellini, «Panahi è il simbolo della libertà di espressione», sperando di ottenere lo stesso effetto delle lacrime di Juliette Binoche a Cannes, che aprirono temporaneamente al regista iraniano le porte del carcere. «Ogni festival, ogni singola campagna che accende l'attenzione sul caso di Panahi è importante», sottolinea Neshat.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Berlino | Cultura | Hosni Mubarak | Iran | Isabella Rossellini | Jafar Panahi | Juliette Binoche | Medio Oriente | Shirin Neshat

 

«Cannes, il festival di Rotterdam, che gli ha dedicato l'apertura, e oggi la Berlinale sono passi fondamentali, perché ci sia una pressione mediatica che faciliti la sua liberazione. La maggioranza degli iraniani sicuramente non festeggerà l'anniversario della rivoluzione, tranne uno sparuto gruppo di supporter del governo. Anzi, i giovani prenderanno spunto dalla ricorrenza per tornare in piazza a manifestare». E visto l'esito che le proteste hanno avuto al Cairo, Neshat lancia un appello: «Io spero che il movimento per la democrazia egiziano possa fungere da esempio e da sprone per tutti gli altri partiti di opposizione democratica in Medio Oriente, che lottano per migliorare non solo il proprio paese, ma anche la visione occidentale nei confronti del mondo musulmano. Questo ai loro occhi apparirà non più come una cultura fondamentalista, ma democratica».

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da