House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Berlinale violenta, la polizia e non solo, può sparare

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 febbraio 2011 alle ore 20:15.

Ce ne sono tante di pallottole in Tropa de Elite 2. Josè Padilha alla regia e Mantovani tra gli sceneggiatori tornano a mostrarci il lato oscuro del Brasile. Altro che Copacabana e Carnevale di Rio, al paradiso di gioia e bellezza di quei luoghi si oppone, violenta ed estrema, la periferia degli slums, la guerra aperta che mischia buoni e cattivi in un traffico di droga, poliziotti corrotti e miseria. Padilha qui aveva vinto l'Orso d'oro con il primo capitolo e poi aveva avuto un grande successo commerciale nel suo paese e una discreta risonanza nel mondo. Tra i tanti record, tra l'altro, ebbe quello lusinghiero, ma poco remunerativo, di film piú scaricato dell'anno.

Con questo sequel, invece, la pirateria è stata tenuta a bada e gli incassi si sono ancora piú alzati. E osiamo dire meritatamente. Se il primo era energia pura, violenza iperrealista e denuncia civile ma non moralistica, il secondo è quasi un trattato politico, sia pure scritto col sangue che inonda le strade brasiliane. Al centro di tutto sempre il BOPE, la tropa del elite appunto, la squadra speciale al capo della quale il colonnello Nascimiento (Wagner Moura) cerca di fare giustizia. Anche con le cattive. Solo che qui trova un rivale- l'attivista per i diritti civili Fraga, per altro nuovo compagno dell'ex moglie- e addirittura un posto in ufficio. E da vicesegretario alla sicurezza fuori dai giochi di potere trasforma il BOPE in un esercito. Il suo piú grande errore, peggiorato da tre politici- anchorman-goveranatori senza scrupoli.

Ne nasce un ritratto fantasioso ma realista, un poliziottesco con l'estetica di City of god, presa di peso da quel nuovo cinema brasiliano pop, montato a ritmo di adrenalina e musiche aggressive. Come la trama, che insieme al BOPE non fa prigionieri. «Mi sono preso del tempo- racconta Padilha- ho fatto due bei documentari, ma poi la voglia di tornare su questa storia si è fatta incalzante. E valeva anche per tutti gli altri, cast tecnico e artistico. Avevamo paura, non volevamo rovinare nulla, ma ci siamo buttati e ora siamo soddisfatti». E sul suo ritorno a Berlino si dichiara «entusiasta, Berlino è stata una tappa fondamentale nella mia carriera ed è una città cinefila e appassionata, il feedback di questo pubblico vale piú di mille altri». Wagner Moura, qui in una grande performance, dice di essere «curioso della reazione che avrà il festival e il pubblico negli altri paesi. A noi brasiliani il tema è molto caro, il rapporto tra polizia, trafficanti e politica è qualcosa che sentiamo molto. E' importante per noi che in Europa, in America arrivi questo e non solo il film di genere».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: America | Cultura | Europa | Josè Padilha | Les contes | Michel Ocelot | Ulrich Kohler | Wagner Moura | Werner Herzog | Wim Wenders

 

Ma è Padilha a scuotere la platea quando racconta che «quello che ho raccontato, è vero. Certo, non c'è una storia che ricalchi la mia ma è la riunione di tante vicende realmente accadute: la mafia politica, la guerra negli slums, la scomparsa di una giornalista troppo vicina alla verità». E ai fan berlinesi che vorrebbero un terzo capitolo dice «che difficilmente ci sarà, anche se non mi metto limiti. Ora come ora mi sembra di aver detto tutto quello che avevo dentro». E al coraggio che molti gli riconoscono, ribatte che «è anche merito di quel Brasile che si è liberato pochi decenni fa da una dittatura, che si è liberato dalla censura. Negli anni 60 c‘erano registi coraggiosi, quelli del cinema novo, che però erano visti da poche persone». E questo film, con la sua impostazione estrema, è ormai oggetto di accesissimi dibattiti tra destra e sinistra. «La cosa piú scioccante è stata vedere il colonnello Nascimiento considerato come un eroe. E' il segno della situazione difficile e dolorosa in cui versa il nostro paese, di quanto sia drammatico il problema della criminalità e dei diritti umani».

Un buon viatico, questo, per la giornata di domani. Arrivano Les contes de la nuit di Michel Ocelot e Sleeping Sickness di Ulrich Kohler. Anche se a rubare la scena ai due film saranno sicuramente i due vecchietti terribili Wim Wenders e Werner Herzog. Sperimentano il 3D, il primo con Pina e il secondo con Cave of forgotten Dreams. Inevitabile la grande curiosità che, peraltro, sta facendo andare a ruba i biglietti ancora disponibili.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da