House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Berlino: il ritorno di Ocelot, l'omaggio di Wenders a Pina Bausch. Oggi debutta Fiennes

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 febbraio 2011 alle ore 14:10.

Movimenti, ombre e graffiti si sono infilati in forma tridimensionale nella 61esima edizione del Berlin international film festival. E' tornato Michel Ocelot, padre di Azur e Asmar e di Kirikù e la strega Karabà, con un mondo fatto di ombre. Felice di essere l'unico francese in competizione, ha narrato i suoi racconti fatati con uno scenario di fondo tridimensionale, a tratti coloratissimo. Sono ricomparse le atmosfere africane nella veste di un suonatore di bonghi che fa meraviglie con il suo irresistibile tam tam, allontanando le guerre e guarendo i malati. Ci sono gli abitanti tristi della città d'oro, che per mantenere i loro privilegiati palazzi devono offrire a un drago orribile quattro volte all'anno la più bella del paese.

Quando il nostro eroe ucciderà il drago e salverà la ragazza, la città vuole linciarlo. Cadono infatti tutte le costruzioni, ma il ragazzo convincerà la popolazione che è meglio vivere felici in una città di pietra. C'è poi il giovane indigeno caraibico, che infilatosi in una caverna, scivola nel regno dei morti, rischiando di lasciarci le penne. Sfugge alla mala sorte solo imbroccando la risposta giusta a tre indovinelli. Il re gli consegna il suo regno, ma il protagonista, dopo aver saputo di che cosa si tratti, preferisce tornare dalla sua bella viva e vegeta. Diversi sono i personaggi delle tante storie, raffinate per grafica ed eleganza, sulla ispirazione delle quali Ocelot è vago: «Io leggo favole di tutto il mondo. Me ne cibo e poi le rielaboro».

Il 3D
Ormai, vicino agli ottant'anni, non rifiuta più l'etichetta di creatore di film per bambini, che un tempo aborriva. «E' un cavallo di Troia. Così un adulto va a vedere le mie pellicole senza impegno e io lo raggiungo a tradimento con i miei messaggi. La soddisfazione maggiore è quando un giovane mi dice di aver pianto vedendo un mio film». Nella bellezza del racconto e dei disegni non si sentiva la necessità del 3D e lo stesso Ocelot ne conviene. «E' solo una veste diversa, una nuova opportunità per raccontare le mie storie».

Wim Wenders
Sicuramente il tridimensionale ha una sua ragion d'essere nel bellissimo documentario fuori concorso «Pina» di Wim Wenders, omaggio alla grande coreografa Bausch, scomparsa nell'estate nel 2009. Nelle danze dolenti dei ballerini, pieni di sofferenza e di morte, i corpi vengono in rilievo in ogni fibra della muscolatura per raccontare la lezione impartita loro da Pina: tirare fuori la propria natura. Capita allora che un salto, come guizzo di un pesce, di una ballerina dentro il cerchio delle braccia del partner, ne riveli l'esuberanza. Così come la disperazione della giovane che strattona la corda a cui è legata con una cintura o come il continuo rimbalzare di un corpo cieco contro una parete: non è altro che è la disperazione senza parole di certi momenti della vita. Ogni membro della compagnia testimonia con i propri movimenti e il proprio ricordo l'amore per la donna che ha insegnato loro a danzare e a riconoscere se stessi.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alexander Mindadze | Berlin international | Cinema | Fabrice Luchini | Michel Ocelot | Philippe Le Guay | Pina Bausch | Ralph Fiennes | Vanessa Redgrave

 

Werner Herzog
In un antro, che racconta la nostra storia, è invece penetrato Werner Herzog. Da testimone privilegiato, con «Cave of forgotten dreams» ha restituito con un documentario, anch'esso in 3D, quelli che vengono considerati i graffiti più antichi del mondo. Disegni primitivi, conservati in una caverna del sud della Francia, in cui, per ragioni di umidità, il pubblico non può entrare per non danneggiarne la conservazione e distruggere una preziossissima testimonianza.

Il debutto di Fiennes
A rubare la scena oggi sarà «Coriolanus», debutto al cinema di Ralph Fiennes, che recita accanto a Vanessa Redgrave. L'ambizioso progetto riporta il dramma scespiriano ai nostri giorni, mantenendo invariati i dialoghi originali. «U subbotu» di Alexander Mindadze scava ancora nella tragedia di Cernobyl, a distanza di 25 anni dalla rottura del reattore, mentre con il film fuori concorso «Les Femmes du 6èmé ètage», di Philippe Le Guay, si torna a un po' di leggerezza con un Fabrice Luchini, circondato da donne.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da