House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Alla caccia di un padre fantasma

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 20 febbraio 2011 alle ore 08:25.

Se ricordate Amabili resti, non importa se il romanzo di Alice Sebold oppure il film altrettanto efficace di Peter Jackson, saprete che lì il fantasma della quattordicenne Susy continuava a volteggiare sopra il quartiere, in attesa che la sua famiglia scoprisse che l'aveva uccisa il vicino. E solo dopo poteva liberarsi e andarsene. Un gelido inverno è come se fosse la storia opposta: c'è sempre un fantasma che accompagna il film, ma non sta lassù in cielo a guardare, è piuttosto piantato nella vita terrena e fino a quando non si sa che fine abbia fatto – se è vivo o morto – tutti i personaggi del film sono attraversati da un'inquietudine che non riguarda la sparizione, ma la presenza assente di quest'anima guasta; e se poi è morto, bisognerà capire quando (e come) si può esserne davvero sicuri.
Il fantasma terreno è il padre di Ree (Jennifer Lawrence), e già non c'è più all'inizio del film. Ree vive tra le montagne del Missouri con una madre impazzita (a causa del marito) e due fratellini. Un giorno arriva lo sceriffo e spiega qual è il problema: il padre, spacciatore di anfetamine, quando è uscito di galera, per pagare la cauzione ha ipotecato la casa. Il processo è vicino e l'uomo è sparito già da un po' (sembra che per Ree il fatto che sia sparito anche dalla loro vita, non sia più un problema). Se non si presenterà al processo, la famiglia perderà la casa. Questa è la storia di Un gelido inverno: trovare quest'uomo (il fantasma) in tempo, prima che la famiglia perda tutto. Il nucleo della vicenda ha la qualità di trascinarsi dietro, senza snocciolarla, la storia pregressa. Il padre di Ree è come se avesse spacciato non solo anfetamine e altro, ma un'inquietudine, una violenza, un peggioramento dell'esistenza e della vita interiore di tutti: suo fratello sembra il più minaccioso, i suoi (ex) soci i più violenti, la moglie perduta per sempre.
Qualcosa è successo a Hollywood, forse non in termini di quantità, ma di sicuro nella qualità della scrittura dei personaggi femminili. Dopo aver visto la Kidman raggelata di Rabbit Hole, qui Jennifer Lawrence regala il suo viso radioso e lo sguardo feroce alla ragazza che ha saltato l'adolescenza e adesso è una piccola donna dura, nervosa, decisa. Tutti gli uomini che l'affrontano, compreso lo zio inquieto, sembrano volerle mettere le mani addosso, ma questa sensazione svanisce subito contro la personalità che Ree pianta di fronte a tutti. È come se operasse un sortilegio di eliminazione della bellezza, grazie alla capacità di spostare lo sguardo del nemico su un altro piano, più paritario e minaccioso: il suo obiettivo è trovare il padre, tra spacciatori, ex amanti, bande rivali. È Ree a tenere le fila della storia, della ricerca del padre, e anche di tutto il film di Debra Granik. Un personaggio denso e ben scritto in un film teso, che porta tutti nel campo aperto della provincia sperduta, lì dove l'asticella della violenza è più bassa, le regole meno rigide. Casomai sono le figure intorno a essere più piatte, semplificate, più tipiche del film di genere.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alice Sebold | Cast | Cinema | Dale Dickey | John Hawkes | Kevin Breznahan | Lauren Sweetser | Peter Jackson | Ree

 

Quando Ree dice al suo fratellino: «Sonny, dovrai smetterla di aver paura di un sacco di cose», in realtà sta confermando a se stessa che lei non ha più paura di nessuno. Nemmeno del fatto che ogni volta sembra più chiaro che il padre possa essere morto. Lei ha un obiettivo: salvare la famiglia (qualcuno ha già detto che i fratellini possono andare a vivere in altre case). E quindi la questione può essere risolta se il padre ricompare o se è morto. E negli occhi di Ree non sembra sia rintracciabile una differenza, ormai.
Durante il film, un thriller poco consueto, si fa strada un film più piccolo, meno visibile. È una storia che la scrittura e la regia tengono a bada, lasciano sottotraccia, facendola venir fuori solo a tratti. Ma è questa storia che lavora al di sotto della trama principale che riesce a dare più sostanza al film. Man mano che il fantasma si allontana, infatti, i ricordi di un padre affettuoso e vicino, di un marito amatissimo, cominciano a prendere corpo. È come se l'unico modo per scacciare il male che il fantasma ha infuso dentro ogni persona che ha toccato, sia quello di perderlo. L'unico modo di recuperare l'amore per quest'uomo, è che quest'uomo svanisca, che si abbia la certezza che non possa tornare più.
A quel punto, tutte le persone che ruotano intorno alla famiglia, si rassereneranno. Tutta la tensione del film verrà abbandonata come se qualcuno avesse lasciato la presa, senza avvertire. Come se lo avessero liberato, quest'uomo, e volando via lontano riuscisse di nuovo a lasciare nella memoria dei familiari un ricordo buono. E se ridà pace al mondo, tutti riescono di nuovo a ricordare che c'è stato un tempo in cui non era quello che è diventato. E forse, facendo un altro passo ancora, negli occhi di Jennifer Lawrence si può leggere il perdono per aver tentato fino a dopo la morte, di distruggere tutto ciò che aveva messo in piedi nella vita. In Amabili resti, il fantasma se ne andava quando le cose si mettevano a posto. In Un gelido inverno, le cose si mettono a posto quando il fantasma se n'è andato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
un gelido inverno di Debra Granik Usa, drammatico, 100', 2010 Cast: Jennifer Lawrence, John Hawkes, Kevin Breznahan, Dale Dickey, Lauren Sweetser
HHHH - II

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da