House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

E a Berlino vince il... "divorzio all'iraniana"

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 febbraio 2011 alle ore 15:42.

E' finito il 61° Festival di Berlino e trionfa Nader and Simin: a separation. Orso d'oro come miglior film, riconoscimento massimo all'intero cast maschile e a quello femminile. Nessun dubbio per la giuria presieduta da Isabella Rossellini, raramente in un festival internazionale si trova una tale unanimità per un film. E l'analisi è presto fatta: gli ottimisti gridano al capolavoro, i pessimisti ricordano che di solito quando si danno premi a pioggia a un unico titolo, spesso è per manifesta inferiorità dei concorrenti. L'impressione è che la verità sia nel mezzo. Nader and Simin: a separation, infatti, è arrivato dopo quasi una settimana sotto tono dell'ultima Berlinale.

Pochi film entusiasmanti, e quasi tutti fuori concorso o nella sezione "Panorama", ormai rifugio delle opere migliori e più coraggiose. E tante delusioni. All'arrivo della pellicola di Asghar Farhadi, era inevitabile che giurati e addetti ai lavori, fiaccati, reagissero con l'ovazione tributata nel palmares, nelle recensioni e, va detto, nelle proiezioni per la stampa e per il pubblico.

A questa considerazione- il film, comunque, è ben fatto, coerente e potente anche se (forse) troppo lungo- va aggiunto che Berlino adotta e coccola i "suoi" autori, quelli che ha contribuito a scoprire e lanciare. E' successo quest'anno a Josè Padilha, vincitore tre anni fa con Tropa de Elite e osannato nella sezione "Panorama" con il sequel Tropa de Elite 2 (molto più bello del primo, peraltro). E succede anche al buon Farhadi, che qui era già stato Orso d'Argento per About Elly.

Il regista iraniano fa parte di quella nouvelle vague di Teheran che ha imparato ad accarezzare i gusti occidentali, che sa comunicare con un cinema di estetica- ed etica?- universale, che fa parte di quell'Iran che vuole confrontarsi con l'esterno, che si spinge in alto e soprattutto fuori da un paese soffocato e soffocante. E, probabilmente, al trionfo ha contribuito anche l'assenza insopportabile dell connazionale Jafar Panahi, invitato e ovviamente mai arrivato- per via della persecuzione giudiziaria e l'assurda condanna comminatagli-, che ha però fatto pervenire alla rassegna una commovente lettera aperta in cui sottolineava che nonostante l'interdizione allo scrivere e girare film per 20 anni, non gli avrebbero comunque impedito di "continuare a sognare".

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Asghar Farhadi | Berlino | Cultura | Elly About | Iran | Isabella Rossellini | Jafar Panahi | Josè Padilha | Orso | Simin

 

In ultima analisi, va sottolineata l'incredibile forza della storia raccontata e ribattezzata già da molti critici italiani come "Divorzio all'iraniana". Nader e Simin sono una coppia più o meno felice, con progetti diversi. Vogliono divorziare perché non sono d'accordo sul loro futuro insieme, sul fatto che i progetti pianificati in precedenza (un trasferimento), vengano disattesi dal marito. E la moglie, con coraggio e determinazione, decide di proporre istanza di divorzio, ovviamente rigettata per futili motivi. Il cineasta di Teheran, però, non si ferma alla facile invettiva contro il sistema, ma analizza a fondo le dinamiche di una famiglia che ha le sue complessità e difficoltà, al lato politico affianca quello empatico e familiare: il padre di lui, malato di Alzheimer, o la figlioletta dei due e la sua educazione contestata, vanno ben oltre rispetto al pamphlet emozionale. Come la Elly del precedente film, dietro alla morale comune e bigotta di un paese, si nascondono disagi strazianti di uomini e donne costretti a vivere in un mondo frenetico e moderno, ingabbiati in un paese cristallizzato in dinamiche risalenti a secoli fa e a una cultura schizofrenica che unisce la crescita personale degli individui e la regressione della collettività, schiacciata da regole religiose sessiste, anacronistiche e vessatorie. Farhadi le affronta con ironia- eccezionale la sequenza sulla chiamata al centro d'assistenza religiosa della donna che vuole sapere se può cambiare l'anziano suocero malato- e con una svolta thriller, rappresentata da un mistero legato proprio al padre di lui.

Il noir tira fuori tutte le ombre dei protagonisti, ci pone di fronte alla verità, nuda e cruda. E questo, al di là del valore cinematografico assoluto o relativo, è il vero motore di un film importante. E che, alla fine, ha meritato l'Orso d'oro. Perché Berlino, come Locarno, nelle opere della Settima Arte cerca spesso, se non sempre, un contenuto forte, ribelle, politico nel senso più alto del termine.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da