Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 01 marzo 2011 alle ore 06:42.

My24


È sul tema della parola che si è concentrata la sfida degli Oscar di quest'anno: la balbuzie di Giorgio VI contro la voglia di comunicare di Mark Zuckerberg. Il discorso del re contro The social network. La difficoltà di comunicare con il mondo intero contro l'invenzione di una nuova comunicazione planetaria, viva e immediata. La parola orale che doveva farsi discorso per la Storia contro la parola scritta in modo rapido, tanto da dare l'impressione dell'oralità. E non è un caso, infatti, che i due film abbiano vinto le due statuette in palio per la sceneggiatura, originale e non. La parola quindi è la sorprendente e forse volatile novità del cinema premiato dagli Academy Awards, nel tempo del 3D, del l'affermazione definitiva a Hollywood del cinema di genere, soprattutto quello di azione. Non c'è alcuna volontà di valutare in modo positivo o negativo questa novità, è soltanto una constatazione. E non si può certo definirla una fase di restaurazione; tutto sommato, è semplicemente una coincidenza.
Ma tra i due film indicati alla vigilia come gli sfidanti per il titolo, è Il discorso del re il grande trionfatore della serata degli Oscar, non tanto per la quantità (quattro), ma per la qualità dei premi, i più importanti: film, regia, attore protagonista e sceneggiatura. Forse si è avvantaggiato di una spinta emotiva ancora viva in queste settimane (rispetto a The social network) e anche della riuscita di un racconto esemplare che tocca uno dei filoni più importanti e vitali di questi ultimi anni: la voglia di entrare dentro la Storia, osservandone gli aspetti quotidiani e privati, e come questi possano avere un rapporto diretto con la personalità che il pubblico ha conosciuto e con gli eventi che riguardano l'intera umanità. È una questione più che mai attuale negli anni in cui i leader politici di tutto il mondo sono radiografati in tutti i passaggi della loro biografia non soltanto professionale.
Quindi, la scelta dell'Academy è stata tutt'altro che sorprendente rispetto ai pronostici della vigilia, e in qualche modo ha risposto a tutte le supposizioni in modo ordinato: il premio a Natalie Portman era ampiamente previsto, anche perché sempre più spesso sembra che il ruolo da Oscar assomigli a una sorta di saggio in cui un attore o un'attrice danno prova di saper fare un sacco di cose difficili (la Portman fa la ballerina classica in Il cigno nero); i premi tecnici a Inception, l'Oscar dell'animazione a Toy story 3 (che avrebbe potuto meritare il premio assoluto). Però, se si va più indietro nel tempo, si scopre che era molto difficile immaginare che una produzione piccola e una sceneggiatura che ha avuto molte traversie prima di essere realizzata, potessero poi trasformarsi nella favola del film dell'anno: questo è senza dubbio l'aspetto migliore della vicenda; insieme al matrimonio perfetto tra il ruolo di Giorgio VI e l'interprete Colin Firth.
L'aspetto meno entusiasmante è il fatto che tra i film candidati, Il discorso del re era senza dubbio il più classico, quindi il più rassicurante, certo molto di più del film sulla nascita di Facebook o di Inception; il film di Tom Hooper è un prodotto di indubbia qualità, la cui unica caratteristica "storta" sta nella scansione dei discorsi che puntellano il film. Per il resto, i due personaggi (di Colin Firth e Geoffrey Rush) percorrono la storia con i passaggi obbligati (incontro, scontro, riappacificazione e risultato pieno ottenuto sul finale), come in ogni sceneggiatura hollywoodiana che si rispetti. Sotto questo aspetto, The social network è molto più sorprendente e ha il merito di rendere vivo e teso un soggetto che aveva presupposti molto deboli («è la storia di uno che inventa Facebook...»). Anche premiare Il Grinta avrebbe dato un segnale troppo forte rispetto al cinema di genere (e in ogni caso, non avrebbe meritato); lo stesso discorso vale per Un gelido inverno. Quindi, tutto sommato, alla fine, la serata degli Oscar è stata scontata perché quell'equilibrio che il premio cerca sempre, l'incontro tra qualità e popolarità, ha dato i risultati più sensati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tutte le statuette
Regia
Tom Hooper («Il discorso del re»)
Attore protagonista
Colin Firth («Il discorso del re»)
Attrice protagonista
Natalie Portman («Il cigno nero»)
Attore non protagonista
Christian Bale («The Fighter»)
Attrice non protagonista
Melissa Leo («The Fighter»)
Film d'animazione
«Toy Story 3» (di Lee Unkrich)
Film straniero
«In un mondo migliore»
(di Susanne Bier)
Sceneggiatura originale
David Seidler («Il discorso del re»)
Sceneggiatura non originale
Aaron Sorkin («The Social Network»)
Corto d'animazione
«The lost Thing»
Fotografia
Wally Pfister («Inception»)
Scenografia
Robert Stromberg e Karen O'Hara («Alice nel paese delle meraviglie»)
Colonna sonora originale
Trent Reznor e Atticus Ross («The Social Network»)
Sonoro
Lora Hirchberg, Gary A. Rizzo, Ed Novick («Inception»)
Montaggio sonoro
Richard King («Inception»)
Corto documentario
«Strangers no more»
Corto d'azione
«God of Love»
Documentario
«Inside job»
Trucco
Rick Baker e Dave Elsey («Wolfman»)
Costumi
Colleen Atwood («Alice nel paese delle meraviglie»)
Effetti visivi
Paul Franklin, Chris Corbould, Andrew Lockley e Peter Bebb («Inception»)
Montaggio
Angus Wall e Kirk Baxter («The Social Network»)
Canzone originale
«We belong together» (di Randy Newman per «Toy Story 3»)

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi