House Ad
House Ad
 

Finanza e Mercati Materie Prime

Mercato dello zucchero verso il surplus

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 05 giugno 2010 alle ore 08:18.

Dopo due stagioni consecutive in deficit d'offerta, il mercato dello zucchero è avviato a ritornare in surplus. Le carenze dei mesi passati, tuttavia, hanno portato a consumare un'enorme quantità di scorte, il che rende improbabile un'eccessiva caduta dei prezzi.
È questa la diagnosi su cui stanno convergendo gli analisti, colpiti dall'abbondanza di produzione che si profila non solo in Brasile, ma anche in India, paese che è stato l'epicentro della recente crisi, trasformandosi di colpo da esportatore netto in forte importatore del dolcificante.
La resa delle coltivazioni di canna da zucchero indiane si è dimostrata superiore al previsto anche nella stagione appena conclusa, tanto che le stime sul raccolto sono state più volte riviste al rialzo. Nel 2010-11, grazie a un'ulteriore espansione delle aree coltivate e a un monsone finalmente favorevole, l'India dovrebbe tuttavia godere di un vero e proprio boom di produzione, tanto che il ministro dell'Agricoltura, Sharad Pawar, si è già spinto a prevedere – forse un po' troppo ottimisticamente – un ritorno all'export.
Il passaggio da un deficit a un surplus di offerta, sia in India che a livello globale, è comunque previsto anche da autorevoli esperti del settore. Per Jonathan Kingsman, dell'omonima società, l'eccesso di offerta potrebbe raggiungere addirittura 5,2 milioni di tonnellate, nonostante un'accelerazione dei consumi, stabili nel 2009-10 per la crisi e in crescita del 2,3% a 165 milioni di tonn. nel 2010-11.
Più caute le previsioni di Czarnikow, che dopo un deficit di 11,6 milioni di tonn. nella passata stagione, intravvede un surplus di 2,5 milioni, favorito da una produzione in crescita dell'11% (a 174,3 milioni di tonn). In due anni tuttavia le scorte sono crollate di 27 milioni di tonn, avverte Czarnikow, per cui «il mercato globale resterà fragile». La stessa preoccupazione è condivisa da Sergey Gudoshnikov, senior economist dell'International Sugar Organization (Iso): «Non credo che i prezzi collasseranno. Al momento le scorte sono tra 2,3 e 3 milioni di tonn, giusto quel che basta perché il sistema funzioni».
S. Bel.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags Correlati: India | International Sugar Organization | Jonathan Kingsman | Materie prime | S. Bel | Sergey Gudoshnikov | Sharad Pawar |

 

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da