House Ad
House Ad
 

Finanza e Mercati In primo piano

La follia di JÚr˘me ha messo in luce il buio dei controlli

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo Ŕ stato pubblicato il 06 ottobre 2010 alle ore 08:08.

JÚr˘me Kerviel Ŕ un Robin Hood scornato che dovrÓ farsi tre anni di galera e (molto teoricamente) rimborsare alla banca per cui lavorava come trader i soldi che le aveva fatto perdere, 4,9 miliardi di euro. La discesa agli inferi, cominciata il 18 gennaio 2008 quando i suoi superiori scoprirono che aveva preso posizioni non autorizzate sui futures per 50 miliardi di euro, continua. Cifre da contrappasso dantesco circolano sul tempo che gli ci vorrebbe per indennizzare SociÚtÚ GÚnÚrale (177mila anni al suo stipendio attuale di 2.300 euro al mese) anche se l'appello preannunciato bloccherÓ qualsiasi meccanismo di eterno rimborso.

Chi ha seguito lo spettacolare processo che si era tenuto dall'8 al 25 giugno non Ŕ molto stupito dalla sentenza, anche se legittimamente si interroga sul perchÚ il giudice Dominique Pauthe abbia voluto infliggere a Kerviel anche una pena risarcitoria che non potrÓ essere rispettata. Durante tre settimane di udienze, mai la difesa era riuscita a esibire elementi probanti sulla responsabilitÓ della banca, l'ormai famoso źnon potevano non sapere╗ che l'ex trader e il suo avvocato Olivier Metzner hanno continuato a sostenere e ripetere ogni giorno, pi¨ volte al giorno, davanti alla corte. Il pronunciamento di ieri segna sotto il profilo giudiziario uno spartiacque netto tra il colpevole e la vittima, una linea di divisione che era stata sempre ambigua e confusa da quando era iniziato l'affaire Kerviel. Beniamino dell'opinione pubblica, artefice e vittima al tempo stesso degli eccessi dell'economia finanziaria, solo e solitario contro una banca che Ŕ leader mondiale dei derivati azionari, imbottita di maghi del calcolo stocastico usciti dalle grandi scuole di Francia, tutti contro un uomo solo, a sua volta parte infinitesimale di un meccanismo perverso che ti portava a raddoppiare le puntate sui mercati, come nella vecchia martingala. E ancora: outsider della piccola borghesia di provincia contro l'aristocrazia della finanza parigina, a cominciare dalla gelida supponenza del patron di SocGen ai tempi dell'affaire, Daniel Bouton, che per˛ quando Ŕ riapparso in pubblico al processo ha saputo essere pi¨ convincente dell'imputato, grazie al briciolo d'umanitÓ che anche i pi¨ duri si guadagnano dopo un'esperienza traumatica (źsono nella sgradevole posizione dell'uomo che ha cercato di comprendere e alla fine non ha capito nulla╗, disse, allargando le braccia, durante la sua testimonianza).

Lĺarticolo continua sotto

Tags Correlati: Daniel Bouton | Dominique Pauthe | Giustizia | JÚr˘me Kerviel | Olivier Metzner |

 

Chi pensava che l'empatia tra Kerviel e un'opinione pubblica giÓ invelenita contro la finanza per gli effetti della crisi si sarebbe tradotta, in termini giudiziari, in uno sconto di pena, in una concessione al pubblico che tifa sempre per il pi¨ debole, si Ŕ sbagliato. Dominique Pauthe Ŕ un giudice puntiglioso, talmente serio che per il processo ha fatto un corso accelerato di finanza mostrandosi a proprio agio sulla terminologia complessa dei mercati e sui meccanismi di funzionamento delle sale di trading, ovviamente back, front e middle office compresi. Da subito ha inchiodato l'ex trader alle proprie responsabilitÓ, riconosciute e dimostrabilissime, in attesa che il leit motiv difensivo, riferito alle gerarchie di SociÚtÚ GÚnÚrale, si sostanziasse. Ci˛ non Ŕ accaduto nonostante le circa trenta testimonianze della difesa e in pi¨, tra il giudice e l'imputato, Ŕ stato subito gelo caratteriale, forse anche generazionale. Fin dal primo giorno d'udienza, l'ostentata sicurezza di Kerviel, che secondo alcuni osservatori sarebbe stata intenzionale, ha infastidito Pauthe: źMi faccia il favore di non bere dalla bottiglietta quando mi rivolgo a lei!╗, l'aveva subito apostrofato. La condanna al risarcimento impossibile non Ŕ solo la sottolineatura con la matita blu di una pena carceraria giÓ pesante, ma il segno che distingue e separa la colpa (di Kerviel) dalla responsabilitÓ: quella di una banca i cui sistemi di controllo erano talmente permeabili da permettere a un singolo dipendente di giocare 50 miliardi di euro, cifra che superava abbondantemente il patrimonio netto dell'istituto. Nel testo della sentenza si legge a un certo punto che gli atti di Kerviel źhanno messo in pericolo l'ordine economico mondiale╗, un elemento importante, da sempre sotto gli occhi di tutti ma mai messo abbastanza in evidenza. Visto quello che Ŕ successo col fallimento di Lehman Brothers, che magnitudo avrebbe avuto la crisi se a scatenarla fosse stato il crollo di una delle pi¨ importanti banche europee? L'incoscienza e l'autismo lavorativo del trader alla fine hanno fatto suonare l'allarme della finanza internazionale, a un passo dal baratro. La sentenza di ieri racconta la storia di una catastrofe (collettiva) evitata e di un dramma personale che non Ŕ ancora finito.
ę RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi źamari╗

źCaro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si pu˛ privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticitÓ per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'Ŕ pi¨ tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dÓ il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari Ŕ


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune źbusinessperson of the year╗

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da