House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

È morto Tony Curtis, l'attore che fece della guasconeria un'arte

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 settembre 2010 alle ore 11:48.

All'età di 85 anni è morto Tony Curtis. Ne ha dato notizia la figlia, Jamie Lee Curtis citato dal sito web Et. Curtis, il cui vero nome era Bernard Schwartz, è passato alla storia, tra l'altro, per il suo ruolo nella commedie di Billy Wilder A qualcuno piace caldo, in cui recitava al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe. Sposatosi sei volte, era attualmente legato a Jill Vandenberg, sua moglie dal 1998. Nella sua lunga carriera Curtis (guarda la gallery) vanta 90 film e una nomination all'Oscar per il film diretto da Stanley Kramer La parete del fango nel 1958.

Nato nel Bronx in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi, il debutto di Tony Curtis nel cinema è nella parte di un fatuo ballerino in Doppio gioco di Robert Siodmak.
Prima di pietre miliari della commedia come A qualcuno piace caldo o Operazione sottoveste con Cary Grant, negli anni cinquanta alternò ruoli leggeri, in cui mise a frutto il fisico prestante e la morbida bellezza virile, con ruoli in parti drammatiche.

È protagonista di film come Il principe ladro di Rudolph Mate, Il figlio di Ali Baba di Kurt Neumann e Il mago Houdini di George Marshall come di Furia e passione di Joseph Pevney (in cui è un pugile sordomuto), Trapezio di Carol Reed, Piombo rovente di Alexander Mackendrick (in cui è Sidney Falco, un portaborse nel mondo corrotto del giornalismo americano) e La parete di fango (in cui è un carcerato fuggiasco incatenato a Sidney Poitier).

In Spartacus di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne I Vichinghi di Richard Fleischer. Negli anni sessanta, il suo ruolo più significativo è quello del serial killer schizofrenico ne Lo strangolatore di Boston, sempre di Fleischer. Nei primi anni settanta diventa un'icona del piccolo schermo insieme a Roger Moore per il telefilm di successo Attenti a quei due, in cui impersona il ricco playboy americano Danny Wilde, contrapposto all'elegante e raffinato lord inglese Brett Sinclair.
Le sue ultime apparizioni di rilievo: Gli ultimi fuochi di Elia Kazan e La signora in bianco di Nicolas Roeg.

Tags Correlati: Billy Wilder | Cinema | Jamie Lee Curtis | Joseph Pevney | Kirk Douglas | Robert Siodmak | Stanley Kramer | Tony Curtis

 

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da