Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 agosto 2011 alle ore 06:36.

My24


ROMA
Agosto 2011, fuga dall'Europa. Potrebbe essere il titolo di un film, se la realtà non superasse la fantasia. I recenti scossoni che hanno mandato in fibrillazione un mercato già molto nervoso, in cui ogni mossa viene amplificata dagli scarsi volumi dovuti alla pausa estiva, sono arrivati lunedì dagli Stati Uniti. Sembra un paradosso, ma la paura di un rallentamento dell'economia a stelle e a strisce, che potrebbe trainare al ribasso l'economia mondiale, sta spingendo investitori e gestori a vendere i titoli di debito pubblico di molti Paesi dell'area euro.
Spagna e Italia sono il bersaglio preferito, ma il fenomeno non risparmia nemmeno Paesi come la Francia. La liquidità in questo modo raccolta finisce sui Bund tedeschi, tanto che nel corso della giornata il rendimento dei decennali ieri è sceso al minimo di 2,39 per cento, andando per la prima volta dal '90 sotto il livello dell'inflazione, che in Germania a luglio si è attestata al 2,4 per cento. Ma tra gli investimenti rifugio continua a tirare anche l'oro.
Lo spread tra Btp a 10 anni e Bund di uguale durata, ovvero il termometro che misura il rischio della Repubblica italiana, ieri ha segnato un altro preoccupante record: il divario in mattinata ha superato 385 punti, con un rendimento che ha toccato il 6,27 per cento. La Spagna ha fatto ancora peggio: i Bonos decennali hanno sfondato quota 400, ma il divario che separa il rischio della penisola iberica da quello della penisola italiana continua a restare sotto 20 punti. I mercati guardano con apprensione l'avvicinamento dei rendimenti al 7%, soglia considerata di allarme perchè per paesi come Irlanda e Grecia è stato il limite che ha fatto scattare la necessità di aiuti dalla Ue. La tensione si è fatta sentire anche in Francia, dove il rendimento dei titoli pubblici decennali ha superato il 3,2% in mattinata.
Alcuni analisti cominciano a leggere nelle montagne russe segnate da spread e rendimenti di questi giorni una sorta di avvitamento, di una crisi che alimenta se stessa ogni giorno con nuove paure. E questo perché alcuni nodi fondamentali della crisi europea restano irrisolti: l'effettiva capacità di intervento del fondo Efsf nel salvataggio degli Stati, i dettagli sul piano a sostegno della Grecia. E, a livello di singoli Paesi, le misure in grado di rimettere in moto la crescita: se scatta il panico per una recessione negli States, l'unica ancora di salvezza per Paesi come l'Italia è dimostrare una capacità autonoma di risollevare il Pil. Altrimenti i timori che in mancanza di crescita, con uno scenario macroeconomico in deterioramento, i debiti dei Paesi periferici riprendano a correre saranno elevati e innescheranno una spirale di vendite che faranno salire ancora di più gli oneri su quel debito. Non a caso ieri gli spread hanno ricominciato un poco a richiudersi attorno all'ora di pranzo, quando la Commissione europea ha rassicurato i mercati. La portavoce Chantal Hughes ha escluso che siano allo studio nuovi piani di salvataggio per altri Paesi della Ue. Nel frattempo in Spagna il premier Zapatero ha annunciato il rinvio delle vacanze per monitorare la crisi. E in Italia si sono succedute per l'intera giornata riunioni al massimo livello tecnico e istituzionale per mettere a punto una risposta da dare ai mercati.
Nel pomeriggio lo spread Bund-Btp è tornato a attorno a 370 punti, una soglia tutt'altro che di sicurezza e che prelude a un altro balzo da record nei prossimi giorni.
Sempre ieri la Commissione europea ha confermato che un meccanismo di compensazione sarà attivato per i Paesi dell'eurozona i cui costi di rifinanziamento risulteranno troppo alti, rispetto al tasso riconosciuto alla Grecia, al momento del pagamento della prossima tranche degli aiuti al governo di Atene. «Le speculazioni che alcuni Paesi non pagheranno non hanno fondamento – ha detto la portavoce Hughes –. Tuttavia esiste un meccanismo per compensare più alti costi di finanziamento». La misura si rende necessaria perché Paesi come l'Italia e la Spagna rischiano di indebitarsi per aiutare la Grecia a tassi più alti di quelli che quest'ultima riconoscerà quando comincerà a rimborsare gli Stati creditori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
LA TENSIONE ESTESA ALL'EUROZONA
SALE IL PESO DEI BTP
Negli anni la composizione dei titoli di stato italiano in mano a risparmiatori e investitori ha visto un progressivo spostamento a favore dei BTp. Basti pensare che, nel 1999, pesavano per il 49,52% della torta contro il 65,52% attuale. I Bot nello stesso periodo sono scesi dal 10,86 al 3,68%
TASSI BUND SOTTO INFLAZIONE
Il rendimento sui Bund tedeschi a dieci anni è sceso al di sotto del tasso di inflazione in Germania per la prima volta dalla riunificazione nel 1990. La crescente domanda ha spinto il rendimento del decennale a 2,395% contro un'inflazione che è stata del 2,4% annuo in luglio (nella foto il ministero delle Finanze).
LA CORSA DEI BONOS
I differenziali di rendimento dei titoli pubblici iberici a dieci anni rispetto ai Bund tedeschi sono saliti ieri sopra i 400 punti base. Il premier José Lusi Zapatero (nella foto) ha deciso ieri di rimandare le vacanze «per seguire da vicino l'evolversi della crisi».

Shopping24

Dai nostri archivi