Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 08 settembre 2012 alle ore 12:27.

My24

L'addizionale Irpef, per la quota destinata ai comuni, pesa sempre di più sul bilancio delle famiglie: negli ultimi anni - rileva un'analisi condotta dall'A.N.Co.T (associazione nazionale consulenti tributari) su dati Ifel, l'Istituto per la finanza e l'economia locale - l'aumento è stato consistente. L'addizionale Irpef destinata ai comuni nel 2007 aveva un'incidenza pro capite pari a 41,8 euro mentre nel 2010 è stata pari a 48,1 euro con una crescita che in termini percentuali è stata pari a +15,7 per cento.

Comuni: Marche e Trentino Alto Adige, testa e coda della classifica
In valori assoluti è nelle Marche che l'addizionale Irpef - parliamo di quella di competenza dei Comuni - appare più elevata e la quota pro capite alla fine del 2010 ha raggiunto ha raggiunto i 69,5 euro per ogni abitante. Dopo le Marche seguono: Lazio 67,7 euro, Liguria 67,6 euro, Emilia Romagna 65 euro, Piemonte 58,8 euro, Umbria 56,2 euro, Toscana 55,4 euro, Veneto 52,8 euro, Friuli Venezia Giulia 44,9 euro, Lombardia 41,4 euro, Basilicata 41 euro, Abruzzo 40,5 euro, Puglia 39,1 euro, Sardegna 36,1 euro, Campania 34,7 euro, Sicilia 33,2 euro, Molise 30,4 euro, Calabria 28,5 euro, Valle d'Aosta 13,4 euro e Trentino Alto Adige 5,7 euro.

Trentino Alto Adige primo tra le Regioni
Se si considera invece le Regioni, l'aumento in percentuale più consistente dell'addizionale Irpef per la quota relativa ai municipi si è avuta in Trentino Alto Adige (46,15%), che continua comunque ad avere un prelievo assolutamente più basso rispetto alle altre regioni italiane (alla fine del 2010 si è attestato a 5,7 euro per abitante). Il tasso percentuale di incremento più consistente si è avuto in Sicilia (+41,28%) seguita da: Basilicata +29,75%, Puglia +28,62%, Liguria +20,71%, Sardegna +18,36%, Marche +17,60%, Lombardia +15,97%, Friuli Venezia Giulia +15,42%, Campania +12,30%, Calabria +12,20%, Veneto +12,10%, Piemonte +11,57%, Emilia Romagna +11,30%, Valle d'Aosta +10,74%, Lazio +9,72%, Umbria +6,64%, Toscana +6,33% e Abruzzo +5,74%, infine, solo il Molise ha fatto registrare un decremento pari a -7,60 per cento.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi