Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 maggio 2013 alle ore 07:32.

My24

Una stagione da 'zero tituli' chiude l'avventura di Roberto Mancini al Manchester City, il cui esonero (nell'aria da un paio di giorni) è stato ufficializzato con un comunicato del club, quando mancano due partite alla fine del campionato. Il tecnico jesino non è riuscito a confermare la Premier League vinta lo scorso anno (andata ai detestati 'cugini' del Manchester United), non ha brillato in Champions (eliminato già nella fase a gironi, per il secondo anno consecutivo) e - fallimento più inatteso - sabato ha perso (1-0) la finale di Coppa d'Inghilterra contro il modesto Wigan.

"Con profondo rammarico il Manchester City annuncia che Roberto Mancini è stato sollevato dal suo incarico di allenatore" recita la nota di benservito. "Malgrado gli sforzi, il club non ha raggiunto alcuno dei suoi obiettivi, tranne la qualificazione alla prossima Champions" grazie all'attuale secondo posto in classifica.

Mancini, 48 anni, lascia comunque un buon ricordo e non pochi successi. Era arrivato nel dicembre 2009, subentrando a Mark Hughes. La prima stagione l'aveva chiusa con un quinto posto. Nel 2011 arriva il successo in Coppa d'Inghilterra (interrompendo un digiuno di titoli del City che durava da ben 35 anni) ed il campionato nel 2012. Se avesse centrato almeno la FA Cup nella finale di sabato a Wembley forse avrebbe avuto un'altra chance. Anche perchè il contratto già milionario gli era stato rinnovato dalla proprietà (lo scieicco Mansour di Abu Dhabi) ed ulteriormente arricchito nel luglio 2012, allungandolo di cinque anni (fino al 2017).

Secondo la stampa inglese il sostituto è stato individuato nel cileno Manuel Pellegrini, allenatore del Malaga e prima di Villareal e Real Madrid. Al contratto mancherebbe solo la firma. Per l'annuncio ufficiale basterà attendere la fine del campionato. O forse meno, visto che Mancini è stato già costretto a fare le valige. Forse con i gol di Mario Balotelli, lo scorso gennaio ceduto frettolosamente al Milan, oggi sarebbe ancora al suo posto.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi