Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 25 luglio 2013 alle ore 14:31.

My24
Franco Roberti è il nuovo procuratore nazionale antimafia - La presentazione al Csm

Franco Roberti é il nuovo procuratore nazionale antimafia. Il plenum del Csm lo ha eletto con 20 voti a favore, tra cui quelli del vicepresidente Michele Vietti, del presidente Giorgio Santacroce e del pg di Cassazione Gianfranco Ciani. Roberti, fino ad oggi capo della Procura di Salerno, ha avuto la meglio su Roberto Alfonso, procuratore capo a Bologna, al ballottaggio: per lui hanno votato, oltre a Vietti e ai vertici della Cassazione, tutti i togati di Area, di Unicost, i due indipendenti Corder e Nappi, i laici di centrosinistra, il togato di Mi, Alessandro Pepe, e il laico del Pdl Bartolomeo Romano. Sei, invece i voti andati a Alfonso: si tratta di quelli dei laici di centrodestra Marini, Zanon, Palumbo e Albertoni, e dei togati di Magistratura Indipendente Racanelli e Virga. Al termine della votazione il vice presidente Vietti ha espresso «auguri di buon lavoro» al nuovo capo della Direzione nazionale antimafia, che andrà così a ricoprire il ruolo fino allo scorso gennaio rivestito da Pietro Grasso, oggi presidente del Senato.

I candidati alla guida della Procura nazionale antimafia, tra cui il plenum ha scelto oggi Roberti, erano in tutto quattro: oltre a Roberti e Alfonso, c'erano anche Luigi De Ficchy, capo della Procura di Tivoli, e Guido Lo Forte, procuratore capo a Messina. Alla prima votazione Roberti ha ricevuto 8 preferenze, 9 quelle andate ad Alfonso, 6 quelle espresse a favore di Lo Forte, un voto, invece, é andato a De Ficchy (si erano astenuti Vietti e il Pg Ciani). Dato che non é stata raggiunta la maggioranza assoluta, si é proceduto con il ballottaggio, dove Roberti ha avuto la meglio su Alfonso. La poltrona di procuratore nazionale antimafia era vacante dallo scorso gennaio, quando Grasso lasciò la magistratura per candidarsi alle elezioni politiche. Nelle scorse settimane, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, aveva sollecitato il Csm affinché nominasse il nuovo capo della Dna prima della pausa estiva dei lavori.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi