Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 marzo 2014 alle ore 10:09.

My24
(Afp)(Afp)


Oggi, ore 16 italiane: l'inizio dell'era di Phil Jackson a New York ha una data e un'ora precise. Timeline che resterà impressa negli annali della storia della palla a spicchi d'Oltreoceano, perché il matrimonio tra il coach più vincente e la franchigia più problematica della Lega promette davvero scintille. Senza contare che, sulla costa Ovest degli States, Kobe Bryant ha già sputato fuoco e fiamme, per ever perso per due volte nelle ultime due stagioni la possibilità di ritrovare ai suoi Lakers il tecnico più vincente della storia

L'accordo - Circa 12 milioni a stagione: tanto guadagnerà il "Maestro Zen" (11 titoli vinti da allenatore: 6 a Chicago, 5 coi Lakers, record assoluto) per rilanciare i Knicks, e cacciare le mele marce dalla Grande Mela. Jackson ha chiesto e ottenuto potere assoluto su tutte le decisioni legate al basket, anche se resta capire come saranno i suoi rapporti con il proprietario James Dolan, che nel corso degli anni ha sempre voluto mantenere l'ultima parola, dimostrando come minimo – visti i risultati…- scarsa competenza, anche nella scelta dei consiglieri (particolarmente infausto l'interregno di Isiah Thomas, fenomenale in campo come play, pessimo come tecnico e dirigente). Nell'entourage di Jackson dovrebbe esserci Steve Mills, l'attuale presidente e g.m. dei Knicks che gestirà probabilmente i rapporti con gli agenti, capitolo ben poco amato da Jackson.

Gli obiettivi - Jackson, 68 anni, non ha nessuna esperienza come g.m., ma più volte è stato accostato a diverse franchigie, nella prospettiva di plasmarne a sua immagine organigramma e scelte strategiche. Aveva un accordo con Seattle, saltato quando è saltato l'affare che avrebbe riportato l'Nba in città (dai Sonics, dopo il trasferimento a Oklahoma, sono nati gli attuali "Thunder" di Durant&Westbrook) . Ci proverà a New York, la franchigia più difficile della lega.

Gli ostacoli – Perché così difficile avere successo al Madison Square Garden? Perché i Knicks non vincono niente dal 1973 (e in quel team in campo c'era proprio anche un certo …Phil Jackson!!), giocano con un'enorme pressione mediatica, e sono una squadra in pieno caos tecnico, dopo la buona stagione passata.

Le risorse - Jackson (che ha al dito anche l'anello di campione 1969-70, sebbene cnon scese mai in campo coi Knicks, causa un infortunio alla schiena) però ha il coraggio, le idee e la reputazione per avere successo anche come g.m, e soprattutto ha il palmares per tenere testa a una stampa agguerrita e all'esigente pubblico del Madison (col regista Spike Lee sempre in prima fila….). Del resto, chi ha vinto a Los Angeles e Chicago, perché non potrebbe farlo a New York? E chi ha gestito i Bulls di Michael Jordan e i Lakers di Bryant e Shaquille, può non domare Carmelo Anthony (se resterà…)? Certo, val la pena ricordarlo, Jackson, non sarà ufficialmente l'allenatore, ma a N.Y. potrebbe riprodursi quanto accaduto a Miami, col leggendario Pat Riley sempre vicino (ed è un eufemismo…) a coach Spoelstra. Certo poi, se in campo un tipo come LeBron James sta dalla tua parte, gli schemi riescono meglio

Il roster – Impossibile parlarne adesso. Anche perché a New York bisognerà cominciare prima a ricostruire dirigenza e staff tecnico, con coach Woodson più che mai in bilico. Legittimo porsi però la questione-Bargnani, con andrea frenato anche quest'anno da infortuni in serie e incomprensioni tecniche, in una squadra largamente sopravvalutata a inizio campionato. I Knicks di oggi offrono ben poco che possa piacere a Jackson: Anthony (difficile se ne vada ora, che ha la possibilità di essere allenato dal coach più vincente della storia…), Chandler sottocanestro, Shumpert e Hardway Jr. È in questa rivoluzione copernicana, che il Mago dovrà dimostrare di poter stare nel sistema solare che da oggi ha nel Maestro Zen il suo nuovo Sole.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi