House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica Teatro e danza

A Siracusa il conflitto interiore di Fedra

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 26 maggio 2010 alle ore 14:49.

Salutato dagli applausi calorosi del pubblico della cavea, aveva assistito al debutto della "sua" Fedra. Appena in tempo prima di accomiatarsi definitivamente, qualche giorno dopo, dalla scena del mondo. Edoardo Sanguineti ci ha lasciato avendo firmato la traduzione dell'opera di Euripide per il ciclo di rappresentazioni classiche dell'Inda di Siracusa. Una versione di potente poesia dove i versi rendono quell'universo duro e tetro in cui si agita Fedra. "Parole pietrose" le ha definite il regista Carmelo Rifici, delle quali si sono appropriati tutti gli attori.

La trama della tragedia. La passione ruggente e indomabile di una donna consapevole del peccato quanto ostinata a non voler resistere alla sua attrazione per il figliastro Ippolito, è solo l'avvio della tragedia. Che verbalizza il demone di tre ossessioni: per lei è la malattia, per il giovane il fanatismo della religione, per il re Teseo l'onore. Rifici ha puntato su questi tre tormenti, che condurranno ad una fine atroce, per calarci nei conflitti interiori che determineranno una spaccatura netta e violenta tra gli uomini e gli dei. Fedra si tormenta per l'insano desiderio che le è stato instillato da Afrodite; Ippolito, spregiatore della dea vergine e devoto maniacale di Artemide, trascorre la vita tra virili cacce. Lei conscia della sacrilega bramosia, non osa confidarla a nessuno. Quando lui, per l'importuna mediazione della nutrice della Regina, ne viene a conoscenza, per l'orrore prorompe in un'ampia invettiva contro il sesso femminile tutto. Fedra s'impicca, non senza vendicarsi lasciando un'infame lettera a Teseo dove accusa l'illibato Ippolito di averla posseduta con violenza. Il re chiede a Poseidone la morte del figlio, che perirà straziato tra le rocce trascinato dai cavalli terrorizzati da un mostro marino. Apparirà infine Artemide a svelare la verità a Teseo che accoglierà tra le sue braccia il morente Ippolito. Dunque, nessun mortale, per pio che sia, può sfuggire alla volontà o al capriccio degli dei, che Sanguineti chiama demoni.

Poesia e presenza ascetica. Rifici, sulla scena lignea e i costumi che rimandano al teatro medioevale, costruisce uno spettacolo superbo, che non concede soste. Cura movimenti, ingressi e uscite, apparizioni e svelamenti, con sapiente teatralità; e crea una continuazione con due blocchi musicali. Non possiamo, però, nascondere la difficoltà di comprensione dei versi e delle frasi dialoganti, che, nella traduzione, grecizzano l'italiano con il verbo alla fine della frase. Ma, all'iniziale fatica di rincorrere il senso subentra un flusso densamente poetico che cattura l'ascolto. E ci immerge nella storia. Merito dell'impegno profuso dagli attori che lottano con le parole e si fanno vincere da esse rilanciandocele. Elisabetta Pozzi fa della protagonista una donna malata: parte dalla follia per giungere alla ragione del gesto suicida spiegato al coro delle donne. Ma la nutrice di Guia Jelo, inadeguata nel ruolo per i toni gravi e le pose artefatte, sembra non entrare mai realmente in relazione con la regina. Il Teseo di Maurizio Donadoni è tutto ira furibonda, sapientemente dosata; l'Ippolito di Massimo Nicolini, dai toni a volte troppo urlati, è d'integerrima presenza ascetica; C'è infine il messaggero di Emiliano Masala che, con autorevolezza, domina totalmente la scena del racconto dello schianto di Ippolito.

L’articolo continua sotto

Al teatro greco di Siracusa, "Aiace"

Al teatro greco di Siracusa, "Aiace", tragedia dell'orgoglio e della vergogna

Non gode di molta popolarità il bellissimo e poetico testo di Sofocle "Aiace". Personaggio

Fedra a Siracusa

Tags Correlati: Carmelo Rifici | Daniele D'Angelo | Edoardo Sanguineti | Elisabetta Pozzi | Inda | Jordi Garcés | Margherita Baldoni | Maurizio Donadoni | Siracusa | Teatro

 


"Fedra (Ippolito portatore di corona)", di Euripide. Regia Carmelo Rifici, impianto scenico Jordi Garcés, costumi Margherita Baldoni, musiche Daniele D'Angelo.
Al teatro greco di Siracusa fino al 20 giugno.
www.indafondazione.org

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da