Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 19 maggio 2014 alle ore 14:47.

My24

Linee di credito a spread ridotto a misura di Pmi: sono le piccole e medie imprese – si calcola circa 6mila quelle coinvolte in tre province – le principali destinatarie dell'accordo siglato dalle associazioni industriali di Treviso, Vicenza e Padova con FriulAdria - Crédit Agricole.

La collaborazione consente alle imprese associate a Confindustria di accedere a diverse opportunità: liquidità a breve termine (ad esempio per far fronte ai pagamenti di metà e fine anno come quattordicesime, tredicesime e imposte); credito agevolato per investimenti produttivi e esigenze finanziarie aziendali utilizzando al 50% fondi della finanziaria regionale Veneto Sviluppo a tasso zero o il plafond Beni strumentali (la "nuova Sabatini") con il contributo del ministero dello Sviluppo. Nella convenzione è prevista una linea di credito specifica per le imprese agroalimentari con l'utilizzo del Fondo di rotazione di Veneto Sviluppo. Per sostenere l'internazionalizzazione delle piccole imprese, in collaborazione con Sace, sono stati pensati finanziamenti fino a 3 milioni con tasso euribor e spread legato al rating S&P dell'azienda e alla durata dell'investimento.

In tutti i casi, la convenzione con FriulAdria assicura alle imprese associate alle tre Confindustrie uno sconto del 50% sulle commissioni di erogazione delle singole linee di credito e una risposta al massimo entro 15 giorni dalla presentazione della richiesta da parte delle aziende.

«Nel 2013 abbiamo concesso oltre 3.500 finanziamenti alle imprese per un ammontare che supera i 360 milioni di nuovo erogato, di cui circa 230 milioni alle aziende del Veneto - dichiara il dg di FriulAdria Crèdit Agricole Carlo Crosara - Continuiamo a proporci come un partner bancario del territorio».

L'intesa - dichiara il cicepresidente di Unindustria Treviso, delegato alla Finanza, Riccardo Arnaboldi - «sta rapidamente andando a regime e va nella direzione di valorizzare le piccole e medie imprese che sono alla base dell'economia di questa area». «La risalita – aggiunge il delegato di Confindustria Padova per il credito e la finanza, Mario Ravagnan – va di pari passo con la fiducia. È per questo che, insieme, ci stiamo impegnando al massimo per garantire alle nostre imprese un accesso al credito più facile per immettere nel sistema la liquidità necessaria».

Il difficile accesso al credito ha finora colpito soprattutto le realtà più piccole e meno strutturate: «È di particolare attualità la parte dell'accordo che riguarda la riduzione degli spread sui finanziamenti con Veneto Sviluppo - dichiara Luciano Vescovi, delegato di Confindustria Vicenza per l'area Finanza -. Dallo scorso mese di marzo, infatti, le nostre associazioni sono state abilitate alla presentazione delle domande di agevolazione direttamente alla finanziaria regionale, offrendo così un completo servizio di consulenza e assistenza alle imprese associate. Poter aggiungere all'agevolazione regionale quella prevista nell'accordo con FriulAdria ci permette di costruire un finanziamento a condizioni vantaggiose».

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi