House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Il regista Amadei accusa il governo: volevano bloccare l'uscita del mio film sulle vittime di Nassirya

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 05 settembre 2010 alle ore 17:26.

«Ho saputo che le famiglie delle vittime di Nassirya sono state contattate da persone vicine al Ministero della Difesa che hanno chiesto loro di protestare ufficialmente in modo da bloccare l'uscita del mio film» Aureliano Amadei lancia la sua bomba, questa almeno soltanto mediatica, al Lido di Venezia, nel corso della promozione del film 20 sigarette da lui sceneggiato e diretto, basandosi sull'omonimo resoconto in forma di romanzo della sua esperienza di unico sopravvissuto su 20 italiani alla bomba, ahimé molto reale, esplosa presso la nostra base in Iraq nel 2003.

«Le famiglie dei soldati morti mi dicono di aver risposto che prima vedranno il film e poi giudicheranno. Accetto qualsiasi reazione, purché non nasca da un pregiudizio a priori.
20 sigarette, presentato nella sezione competitiva Controcampo italiano alla Mostra del cinema, è il racconto "in soggettiva" dell'esperienza di Amadei, allora 28enne aiuto regista per un film che doveva essere girato in Iraq da Stefano Rolla, che è qui interpretato da Giorgio Colangeli. È la storia di un tipo «precario nel lavoro e nei sentimenti», che si ritrova da un momento all'altro con «un timpano mancante, una caviglia polverizzata e schegge di granata in tutto il corpo», solo perché era nel posto sbagliato al momento sbagliato. Ed è la storia di un percorso di consapevolezza che gli ha permesso «di riflettere più a fondo su come una tragedia così si sarebbe potuta evitare e su quale fosse la verità dei fatti, al di là dell'onda di retorica e della strumentalizzazione mediatica che hanno seguito gli eventi».

«Su quel set non c'era niente di tecnico, e tutto di emotivo», dice Carolina Crescentini, nel film la compagna di Aureliano, Claudia, «che mi ha permesso con grande generosità di attingere ai suoi ricordi e alla sua esperienza, raccontandomi non solo i fatti ma anche tutti i suoi pensieri». Sia Carolina che Vinicio Marchioni, nonostante la sua reputazione di Freddo televisivo nella miniserie Romanzo criminale, si commuovono alla vista, fra il pubblico della conferenza stampa veneziana, dei genitori di una delle vittime. «Il fatto stesso che le persone che si vedono nel film, con i loro veri nomi e cognomi, non ci sono più ha fatto sì che noi attori sentissimo fortissima la responsabilità di questo progetto», dice. «Anche la troupe al completo ha messo grande passione nel portarlo a termine, stringendosi intorno ad Aureliano».

L’articolo continua sotto

Per Tsui Hark l'ennesimo film di cappa e spada alla cinese ma decisamente fuori luogo a Venezia

Nei titoli di testa Tsui Hark si definisce regista-produttore: ed è la descrizione più adatta per

Pinochet visto dall'obitorio in «Post mortem» di Pablo Larrain

Sul tavolo di un obitorio viene analizzato il cadavere di una donna magrissima. Un uomo dal

Tags Correlati: Aureliano Amadei | Carolina Crescentini | Controcampo | Giorgio Colangeli | Governo | Iraq | Stefano Rolla | Vinicio Marchioni

 

Alla fine è il lato umano della vicenda, più di quello politico e ideologico, ad essere messo in primo piano da 20 sigarette, anche se Amadei ricorda che «ancora oggi sappiamo solo un decimo, anzi un centesimo di quello che è veramente accaduto. Ma già riprendere a parlarne è un passo avanti, e restituire alle vittime di Nassirya la loro dimensione di esseri umani mi sembra un buon modo di ricordarli».

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Object not found!

Object not found!

The requested URL was not found on this server. If you entered the URL manually please check your spelling and try again.

If you think this is a server error, please contact the webmaster.

Error 404

piuletti.online.gruppo24.net
Wed Jul 24 23:57:15 2024
Apache/2.2.12 (Linux/SUSE)

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da