House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Arriva The Social Network. Martone e Fincher: due rivoluzioni tradite?

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 novembre 2010 alle ore 21:32.

Fincher, Martone, i Vanzina, Jalongo e il remake di un film di Tornatore. E tanto per gradire Porco Rosso, che esce da noi con più di 15 anni di ritardo e, se mai servisse, ci ricorda che Hayao Miyazaki è il maestro assoluto del cinema d'animazione (lo dicono pure i giovani terribili della Pixar).

Di sicuro si deve cominciare da The social network- incredibile, esce in meno di 300 copie!- capolavoro senza se e senza ma: merito della regia di David Fincher, della sceneggiatura di Aaron Sorkin (quello, tra gli altri, di West Wing) che sa come trattare l'insidioso e interessante libro "Miliardari per caso" di Ben Mezrich (edito in Italia da Sperling & Kupfer), già autore di "Blackjack club", che al cinema è divenuto 21, di Robert Luketic. Merito di un Jesse Eisenberg che "deve" vincere l'Oscar, vista la prestazione maiuscola e difficilissima (lui è un bonaccione, molto più vicino al bel protagonista di Adventureland che a questo insopportabile Mark Zuckerberg). E il suo esempio viene seguito dagli altri coprotagonisti, dal belloccio Andrew Garfield, che interpreta l'ex migliore amico dell'inventore di Facebook, a Justin Timberlake che qui è Sean Parker, vulcanico e pericoloso inventore del file sharing musicale con Napster.

Fincher riesce a creare una sinfonia moderna di immagini, musiche (la soundtrack di Trent Reznor, Nine Inch Nails, è superlativa) e parole, pronunciate con una velocità di pensiero ed esecuzione clamorosa. Un film che ricorda la camaleontica intensità narrativa e visiva di Coppola, un film epico ed etico in punta di tastiera di cui si parlerà negli anni a venire. Perché si parla del social network che ha cambiato il mondo, e il modo di relazionarsi degli esseri umani, perché questo è un thriller emotivo giocato in un flashback che parte dalla sala riunione di uno studio di avvocati e finisce per essere un case history aziendale di straordinaria efficacia. Ed è la storia di un rivoluzionario moderno.

E' anche un film politico, infatti, quando mette Parker e Zuckerberg, anarchici e individualisti, nerd (ex) sfigati che non pensano ai soldi ma a rivoluzionare e rompere gli schemi: quelli del capitalismo, quelli dell'arte ormai industrializzata, quelli di una società e socialità sempre più perfida e virtuale.

L’articolo continua sotto

Giovani e intraprendenti. Jesse Eisenberg e Joseph Mazzello nei panni di Mark Zuckerberg e Dustin Moskovitz, in una scena del film «The Social Network» di David Fincher

Facebook genera Facebook

Facebook continua a crescere, senza sosta: gli utenti nel mondo hanno raggiunto ormai il mezzo

«The Social Network», fenomeno anche in sala

I fan di Facebook erano scettici circa le possibilità di riuscita di un film sul loro non-luogo di

Tags Correlati: Ben Mezrich | Blackjack club | Cinema | David Fincher | Disney-Pixar Films | Drew Barrymore | Italia | Kirk Jones | Lucky Red | Napster | Nine Inch Nails | Oscar | Robert De Niro | Sam Rockwell | Sperling & Kupfer | Valeria Golino

 

Capolavoro è anche Noi credevamo, di Mario Martone. Film completamente diverso, diviso in quattro grandi episodi del Risorgimento italiano, che sa però penetrarti e sconvolgerti con il suo rigore e il suo modo diverso di guardare la Storia, mettendo insieme un cast solidissimo (da applausi, primo tra pari, Valerio Binasco) e tre ore di grandissimo cinema. Vediamo i moti cilentani come la visione mazziniana, la spedizione dei Mille e il carcere dei martiri per l'ideale unitario di un'Italia che si vuole liberare, per raccontare un Sud che sogna la rivoluzione e scoprirà la colonizzazione cinica del nord. Il regista napoletano, autore della nouvelle vague, teatrale e cinematografica, della Napoli risorta degli anni '80 e '90, si mette in gioco parlando del passato ma guardando al presente- è evidente anche dagli anacronismi visivi ed "edilizi"-, guarda al nostro paese disastroso e disastrato per mostrarci la causa dei nostri mali e non, come sempre fanno intellettuali e politici, solo gli effetti. Solo 30 copie, nonostante il taglio di 40 minuti rispetto alla versione veneziana, ma è un film che va protetto. Dal pubblico stesso, che deve con la sua consapevolezza e il suo coraggio capirlo e sostenerlo.

Meno felice, invece la riuscita degli altri due film italiani in uscita. La scuola è finita di Valerio Jalongo, con Valeria Golino e Vincenzo Amato, e Ti presento un amico, con Raoul Bova e le bellissime Bobulova, Stella, Reilly e Felberbaum, pur molto diversi, sono uniti dalla loro incompletezza. Nel caso di Jalongo si fa fatica a capire cosa voglia: il film giovanilistico sulla strada del primo Muccino (senior), il film scolastico alla Luchetti (che è tra i cosceneggiatori), l'opera tra aule periferiche e pericolose alla Dangerous Minds. In verità la freschezza e il coraggio del concerto sopra la scuola occupata, una delle poche scene felici del lungometraggio, non si ritrova quasi mai in un film che risulta freddo e poco convincente in tutto il suo sviluppo. Non va meglio per la commedia dei fratelli Vanzina, che incredibilmente risulta scritta male e con sciatteria.

Si chiude con un capolavoro dimenticato- solo in Italia, strozzato dalla distribuzione negli anni '90 e ora recuperato da quella Lucky Red che negli ultimi anni non ne sbaglia una-, Porco rosso, il film più politico e ruvido di Miyazaki, animazione di guerra dai forti connotati, sia visivi che narrativi. Un gioiello che merita la sala, anche a tanti anni di distanza.
E torna in sala, infine, a suo modo, anche Stanno tutti bene. Ma non nella versione di Peppuccio Tornatore- a dir la verità è una delle opere meno riuscite della sua bella carriera, con un Mastroianni alla fine della carriera, gigione ma sempre efficace- ma nella versione americana di Kirk Jones. Ci si commuove, Robert De Niro si ricorda del talento perduto in vent'anni di film commerciali in cui troppo spesso è stato la parodia di se stesso, e sfodera un'interpretazione delicata e trattenuta che vale da sola il prezzo del biglietto, ben supportata dalle spalle, dai "figli" un po' degeneri Kate Beckinsale, Drew Barrymore e Sam Rockwell. Una parabola familiare, con qualche eccesso onirico di troppo, che ricorda ai padri il loro difficile, e forse impossibile compito. Da vedere, magari proprio in famiglia.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da