Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 marzo 2012 alle ore 08:17.

My24

MILANO
Eutelia rinasce e punta sulla "nuvola", quel cloud computing fatto di piattaforme e servizi online verso il quale stanno migrando le piccole e medie aziende per efficientare tutte le strutture legate all'information technology.
Ieri il gruppo aretino di telecomunicazioni, finito due anni fa in commissariamento straordinario e ripescato dalla cordata "Piero Della Francesca" guidata dall'ex top manager di Cisco Mark De Simone, si è presentato nella sua nuova veste nel corso Cloud Computing Summit 2012, svoltosi a Milano in Assolombarda.
Tutto nuovo il nome e il brand della società: si chiama infatti CloudItalia Eutelia Communications, per un gruppo che punterà a triplicare il fatturato nei prossimi cinque anni a 300 milioni di euro. Sul fronte occupazionale, poi, CloudItalia ha riassunto 240 dipendenti su 360 della divisione telecomunicazioni della vecchia Eutelia e conta di riportare in organico i restanti 120 addetti in due anni.
«L'innovazione legata al cloud integrato con le telecomunicazioni oggi può rappresentare un driver di crescita e sviluppo per l'intero Paese – ha spiegato l'amministratore delegato Mark De Simone – e l'Italia è ancora indietro da questo punto di vista perché il mercato del cloud vale poco più di cento milioni di euro ma potrebbe superare il miliardo già per il 2016».
De Simone è affiancato da due direttori generali, Paolo Bottura ed Enrico Deluchi, mentre come presidente è stato nominato Bruno D'Avanzo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA