House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

A Berlino gli yuppies dal volto umano di Margin call

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 febbraio 2011 alle ore 09:34.

Mentre Berlino si fermava dietro i passeggini di donne velate che capeggiavano un corteo di egiziani immigrati al grido di "Mubarak rauss!", ieri l'international film festival della capitale tedesca si è occupato molto di Occidente. Margin call, opera prima dell'americano J.C. Chandor, ha portato in primo piano la crisi che nel 2008 ha travolto Wall Street e l'intero sistema finanziario mondiale. Il film, che vanta un cast stellare da Kevin Spacey a Jeremy Irons, a Paul Bettany a Demi Moore, racconta le 24 ore precedenti al crack, che travolse come un domino l'economia mondiale.

La pellicola inizia con una panoramica su Manhattan, ma curvata, come a voler racchiudere i grattacieli in una sfera, alludendo il paragone con la bolla finanziaria. Le nuvole solo lontane e non minacciose e quando le prime ombre della sera avanzano, la telecamera si trasferisce all'interno di una non precisata banca. Un piccolo esercito di persone sta lasciando gli uffici con le proprie scartoffie, tra questi anche un alto funzionario, Eric Dale (Stanley Tucci), che prima di andarsene consegna una chiavetta contenente documenti al suo giovane collaboratore Peter Sullivan (Zachary Quinto), ma lo avverte di fare attenzione. Peter si mette al lavoro e qui inizia il thriller finanziario. Il giovane trader scopre qualche cosa di grosso, molto grosso: un buco il cui importo è pari almeno all'intero valore della banca in cui lavora.

Subito si attiva un'unità di crisi, si radunano i capi tra cui Kevin Spacey nel ruolo di Sam Roger e Jeremy Irons nei panni del faraone della finanza John Tuld. Le conseguenze sono quelle che possiamo toccare con mano nell'economia attuale. C'è però una volontà nel film di sottolineare il lato umano dell'alta finanza. "Mio padre ha lavorato per quarant'anni in un importante istituto di credito e ho cercato di capire cosa fosse passato loro nella testa in quel momento", ha spiegato Chandor, che è anche l'autore della sceneggiatura. "Non può essere tutto bianco e nero, questo non è un film manicheista. Mi chiedo: che cosa avreste fatto voi nelle loro condizioni, con una casa da pagare e moglie e figli alle spalle?", chiede Kevin Spacey, il cui personaggio ha un profondo moto di indecisione quando si tratta di iniettare il virus letale nell'economia. "Così distruggi il mercato, danneggi le famiglie", dice Spacey-Sam a un inossidabile Irons-John. "Dobbiamo sopravvivere", gli risponde Irons nel film, mentre nella realtà è molto più duro: "Abbiamo il dovere di cercare di combattere questa totale mancanza di etica, di moralità".

L’articolo continua sotto

Gianni Di Gregorio: «mi interessa la normalità dell'esistenza»

Con la sua aria gentile e svagata, come lo sono le sue opere, Gianni Di Gregorio torna

I fratelli-registi Joel e Ethan Coen a Festival di Berlino (Epa)

I fratelli Coen aprono il film festival di Berlino. Stasera tocca a Cetto La Qualunque

BERLINO - Tra alzatine di spalle, mossette, silenzi interdetti alle domande imbarazzanti di alcuni

Dal mite Leigh al Gulliver di Jack Black, venerdì in sordina al botteghino

Dopo i fuochi d'artificio, per incassi e non solo, di inizio anno, ecco arrivare un'altra commedia

Tags Correlati: Berlino | Cultura | Demi Moore | Eric Dale | Gianni Di Gregorio | Kevin Spacey | Peter Sullivan | Sam Roger | Wall Street | Zachary Quinto

 

In Margin call, comunque, non mancano riferimenti a quelli che sono i cliché dello yuppies del terzo millennio: guadagni astronomici, belle macchine, vita lussuosissima. "Quello che è immorale – continua il regista –, è permettere a queste società di cercare i talenti migliori nelle università, le persone più intelligenti e dotate, allettandole con grossi profitti e intrappolandole nel meccanismo. Per fare questo film noi tutti abbiamo passato molto tempo con funzionari di Wall Street. Sono individui estremamente creativi, ironici e intelligenti, che sprecano le proprie risorse".

La giornata ha preso una piega meno glamour con il secondo film in concorso, El premio, anch'essa opera prima di Paula Markovitch, film dolente sulle conseguenze della dittatura argentina, vista dagli occhi di una bambina. Una macchina da presa in perfetta armonia con le inclinazioni infantili.

Oggi torna invece di scena l'Italia con il film Gianni e le donne di e con Gianni Di Gregorio, che narra la quotidianità di un sessantenne, che non si rassegna a diventare invisibile davanti alle donne. Film delicato e ironico, da oggi nelle nostre sale.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da