House Ad
House Ad
 

Economia Lavoro

In dieci anni dimezzato il numero degli under 30 ai vertici delle aziende e nelle attività in proprio

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 ottobre 2010 alle ore 08:24.
L'ultima modifica è del 11 ottobre 2010 alle ore 10:51.

L'Italia non è un paese per giovani. La popolazione invecchia, le imprese aumentano - seppur faticosamente - ma le opportunità di carriera per gli under 30 crollano drasticamente. Il quadro a tinte fosche arriva dalla lettura dei numeri di Unioncamere.

In un paese che conta più di 6 milioni di imprese, infatti, la presenza dei giovani appare sempre più «leggera». In primo luogo, nelle attività imprenditoriali: le ditte individuali diminuiscono e, nella flessione, sono proprio gli under 30 a perdere la fetta maggiore di mercato. Stesso discorso per le società a responsabilità limitata che, ormai da tempo, aumentano di numero sostituendosi alle ditte individuali, ma registrano una continua emorragia di giovani.

Se poi si analizzano le posizioni di vertice delle imprese la situazione non cambia. Facendo la conta degli amministratori under 30 delle imprese nel 2000 e nel 2010, il risultato mette in luce una perdita massiccia di posizioni. Se dieci anni fa, infatti, questi pesavano per il 10,2% del totale, nel 2010 contano solo per il 4,4 per cento. Una tendenza di lungo periodo che si conferma nel breve. Tra giugno di quest'anno e lo stesso mese del 2009, infatti, in questa posizione si sono persi più di 5mila giovani.

Sul territorio
La lettura territoriale del livello di occupazione giovanile regala qualche sorpresa. Se, come hanno rilevato gli ultimi dati Istat su occupazione e disoccupazione, il mezzogiorno soffre più del nord e del centro Italia, la percentuale maggiore di giovani amministratori è registrata in Calabria: 7,2% contro una media nazionale del 4,4. Anche la regione, però, è stata interessata dall'impoverimento generale: il dato di dieci anni fa, infatti, rilevava una presenza maggiore al 12 per cento.

In assoluto è la Lombardia che registra la presenza più alta di giovani amministratori: su un totale di 840mila, infatti, più di 28mila sono under 30. In percentuale, però, rappresentano solo il 3,4% del totale, il dato più basso toccato, insieme al Veneto, tra tutte le regioni. La flessione più accentuata è stata registrata dalla Sicilia: nel 2010 conta più di 13mila amministratori under 30, il 5,6% del totale, mentre nel 2000 ne contava più di 21mila, cioè il 12,5%, con una perdita, in dieci anni, di quasi 7 punti.

L’articolo continua sotto

La crisi incide anche sulle pensioni. Si riducono gli iscritti ai fondi di categoria

Il calo è dello 0,7%, appena rilevante in termini quantitativi, ma importante per il segnale che il

L'emergenza lavoro, l'afasia dei riformisti

P arlare di lavoro in questo autunno in cui la crisi economica sembra lasciare spazio ai primi

In Italia si gioca il risiko della Gdo (Foto Marka)

In Italia si gioca il risiko della grande distribuzione, ecco le forze in campo regione per regione

Otto leader in venti regioni diverse fanno un po' la storia della distribuzione in Italia ma anche

Tags Correlati: Imprese | Istat | Unioncamere

 

I settori
Più difficile verificare il trend legato ai settori, per le modifiche che sono state apportate negli anni all'elenco delle categorie di attività. La presenza più massiccia di under 30, comunque, si registra nelle "attività dei servizi alloggio e ristorazione", dove i giovani amministratori pesano per l'8,6%, mentre nel 2000 la corrispondente categoria "alberghi e ristoranti" registrava un'incidenza pari al 15,6 per cento.

Flessioni più o meno forti si sono registrate in tutte le categorie di attività. La "sanità e assistenza sociale" passa da 3.581 giovani (10,1%) a 2.440, cioè il 4,3 per cento. Le "costruzioni" dal 9,3 al 4,3 e l'"istruzione" perde addirittura due terzi della quota, passando dal 9 al 3,3 per cento.

Le figure giuridiche
Analizzando infine i diversi tipi di impresa in base alla figura giuridica, si nota che in Italia la metà delle attività è ancora rappresentata dalle imprese individuali (a giugno le ditte attive con questa forma giuridica erano più di tre milioni), sebbene in calo da anni. La flessione si spiega certamente anche con la crisi economica che ha travolto il mondo del lavoro, colpendo sia quello dipendente sia quello autonomo, ma soprattutto con la poca "elasticità" di questa figura giuridica che ha spostato molti imprenditori sul modello di società a responsabilità limitata con imprenditore unico.

L'estrema "semplicità" della ditta individuale ha favorito però l'avvicinamento degli stranieri. Il 6,3% di queste imprese si riferisce a giovani al di sotto dei 30 anni. Ed è proprio questa categoria di imprenditori che soffre di più. Se, infatti, il totale delle attività rispetto al dicembre 2009 ha registrato una flessione dello 0,3%, le stesse imprese guidate da giovani under 30 sono diminuite quasi del 9 per cento.

Shopping24

Da non perdere

Per l'Italia la carta del mondo

Mentre la crisi reale morde più crudelmente, mentre i mercati finanziari saggiano possibili

In Europa la carta «interna»

Batti e ribatti sui nudi sacrifici degli altri, sull'algido rigore senza paracadute e prima o poi

La commedia di Bruxelles

Al Parlamento europeo è andato in scena il terzo atto di una commedia dal titolo: Regole per le

Guarguaglini: ecco le mie verità

«Ho sempre detto che ero innocente, le conclusioni delle indagini lo dimostrano: nell'archiviazione

Una redistribuzione di buon senso

Arrivano dal ministero della Giustizia le nuove piante organiche dei tribunali. Un intervento

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da