Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 ottobre 2012 alle ore 08:18.

My24

Anglo American Platinum (Amplats) ha mantenuto la promessa. Dopo tre settimane di scioperi illegali nelle sue miniere di platino del Rustenburg, in Sudafrica, la società ha inviato 12mila lettere di licenziamento. Un provvedimento annunciatoda tempo, che tuttavia segna un'ulteriore escalation nella già esplosiva situazione del Paese.
I licenziamenti rischiano di fomentare le violenze, dopo il bagno di sangue in cui era culminato un altro sciopero illegale: quello nella miniera Marikana, di Lonmin, dove la polizia lo scorso 16 agosto ha ucciso 34 persone.

Secondo notizie non confermate dalle forze dell'ordine, ci sarebbe già stato un morto anche durante le proteste vicino alle miniere di Amplats: un uomo, colpito da proiettili di gomma usati per disperdere i manifestanti.
Il rand ha perso oltre l'1% finendo ai minimi da 4 mesi sul dollaro, mentre il platino è salito ai massimi da 7 mesi, raggiungendo un picco di 1.735,50 dollari l'oncia sul mercato spot londinese. Ma le quotazioni si sono sgonfiate, seguendo quelle dell'oro, dopo le statistiche positive sull'occupazione Usa. Entrambi i metalli, a giudizio degli analisti, hanno comunque buone probabilità di proseguire il rally.

L'oro in particolare – che è arrivato a un soffio da 1.800 $/oz prima di ripiegare intorno a 1.780 $ – promette di essere sostenuto dal rischio, sempre più incombente, del "fiscal cliff, il precipizio fiscale che potrebbe ripiombare rapidamente gli Usa in recessione: in mancanza di un accordo sul deficit entro fine anno, circa 600 milioni di $ generati da rialzi delle tasse e tagli della spesa pubblica verrebbero infatti automaticamente a mancare.
Per il platino il futuro andamento dipende invece in larga parte dall'evolversi della crisi in Sudafrica, Paese che possiede due terzi delle riserve mondiali del metallo. Gli ultimi sviluppi non promettono bene, a giudicare dai precedenti.

In gennaio anche Impala Platinum (Implats) aveva reagito con licenziamenti di massa agli scioperi che l'avevano colpita nella stessa regione del Rustenburg, facendole perdere 80mila once di produzione. Dovette fare marcia indietro, riassumendo gran parte dei licenziati e concedendo aumenti di stipendio.
Amplats, il maggior fornitore mondiale di platino, ha già perso 39mila once di produzione, per un valore di 81 milioni di dollari. Scendere a compromessi con gli scioperanti le risulta particolarmente difficile, dopo aver subìto nel primo semestre un crollo del 78% dei profitti, legato in buona parte dall'aumento dei costi (+10% nel caso del personale). Fare la voce grossa potrebbe forse evitarle ulteriori proteste: un'altra controllata di AngloAmerican, Kumba Iron Ore, ha dovuto chiudere un deposito di minerale di ferro causa sciopero. Ma la sua severità potrebbe anche fare da miccia a nuove proteste e violenze.

Listino azionario italia

301 Moved Permanently

Moved Permanently

The document has moved here.

Principali Indici

301 Moved Permanently

Moved Permanently

The document has moved here.

301 Moved Permanently

Moved Permanently

The document has moved here.

Shopping24

Dai nostri archivi