Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 26 gennaio 2012 alle ore 11:21.

My24

Finalmente un'accelerazione. Già nel titolo, il report della School of Management del Politecnico di Milano la dice lunga sulle aspettative che da qualche anno aveva sollevato il mercato del Mobile Marketing & Service. Ora tutto sembra girare nel verso giusto, grazie alle incredibili innovazioni tecnologiche e di business in atto nel mondo mobile, come le evoluzioni degli smartphone, l'avvento delle reti cellulari di quarta generazione, la proliferazione delle applicazioni mobili e dei siti ottimizzati per la fruizione da telefonino, il tempo crescente che i consumatori spendono per navigare, giocare, informarsi, pagare, acquistare,...

Uno scenario che apre molte opportunità alle aziende di tutto il mondo, e, per una volta tanto, alle imprese italiane, visto che nel mondo mobile l'Italia vanta penetrazione degli smartphone (20 milioni di unità a fine 2011), diffusione di banda larga mobile (42,5% della popolazione), ricchezza di offerta. Il mercato della pubblicità sui dispositivi mobili cresce del 50% sul 2010, pari al 5% del totale mercato pubblicità su internet. Investono di più i settori automotive, finance, editoria e media. I formati preferiti display e keyword advertising, in espansione i rich media.
Fanno un balzo in avanti le applicazioni sviluppate dai singoli brand, aumenta il numero di aziende che adottano iniziative efficaci, in grado di "abbracciare" più fasi del processo di relazione con il consumatore e che sfruttano bene le peculiarità del mezzo (geolocalizzazione, contestualità, tempestività, socialità).

Si conferma il sorpasso della quota degli investimenti pubblicitari da parte dei brand di settori indipendenti dal canale mobile rispetto a quelli delle aziende di contenuti mobile, investitori storici nel mezzo. Le ragioni della crescita sono principalmente: aumento di casi in cui l'obiettivo dell'investimento è la spinta al download della propria applicazione o la promozione del proprio sito mobile; minore soglia di investimento, grazie al ricorso a logiche di acquisto a performance (cost per click, cost per download,…); possibilità di misurare i risultati anche in assenza di un canale di ritorno come call center o punto vendita; aumento dell'offerta disponibile.

Le prospettive per il futuro sono estremamente interessanti, a cominciare dalla valorizzazione delle peculiarità del mobile in chiave promozionale tramite mobile couponing e dematerializzazione delle collection, l' aumento della creazione e dell'utilizzo di propri asset mobile (applicazioni mobile in primis, ma anche database di clienti a cui inviare comunicazioni, ad esempio via sms) con obiettivi di fidelizzazione e aumento della customer experience. Da sottolineare il vero e proprio boom delle mobile application: tra i 100 "top spender" italiani, nel 2011 si osserva una costante crescita, circa la metà ha almeno un'applicazione mobile per un totale di 133 applicazioni (+129% rispetto al 2010). App Store conferma il primato tra gli application store (oltre il 70% sono sullo Store di Apple), mentre Android, pur cresciuto molto nel 2011, viaggia a una spanna con il 18%.

Forte la crescita della geolocalizzazione, come utilizzo dei servizi geo-localizzati da parte degli utenti, e come interesse e adozione da parte delle imprese. Un futuro roseo, soprattutto per iniziative finalizzate alla vendita, si prospetta per i mobile Ad-network, aggregatori di siti e App con basso volume di traffico che mettono a disposizione spazi per display advertising, in cambio di una percentuale sui ricavi pubblicitari generati. Tra i mobile surfer aumentano donne e over 45enni, il 50% lo usa tutti i giorni, e aumenta anche il tempo dedicato con una media di 45 minuti al giorno contro i 35 del 2010. Tutti vedono molta pubblicità "correre" sui loro dispositivi, ma il 60% non fa mai clic per entrare dentro la pubblicità. Il 77% conosce Qr-Code, ma solo il 20% lo utilizza. Infine, il 56% dei consumatori, soprattutto i possessori di iPhone, usa i servizi di geolocalizzazione.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi