Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 settembre 2010 alle ore 08:44.

My24
Con il nucleare tariffe elettriche più basse ed emissioni ridotte: parola di Enel e Edf (Corbis)Con il nucleare tariffe elettriche più basse ed emissioni ridotte: parola di Enel e Edf (Corbis)

Prezzi dell'elettricità europei, e quindi più bassi del 25-30%. Con un contemporaneo taglio di almeno il 20% alle emissioni medie di anidride carbonica le nostre centrali elettriche, che ci aiuterà non poco a rispettare i vincoli internazionali del patto di Kyoto. Il tutto con una bella iniezione di posti di lavoro: almeno 10mila. Ecco il ritorno italiano all'energia nucleare, nuovo Eldorado non solo per le nostre martoriate bollette elettriche ma anche per l'intera economia italiana.

Parola di Enel e Edf, alleate per dare corpo a sostanza al piano del governo Berlusconi per il nostro ritorno all'atomo elettrico. Via dunque alla mobilitazione di fior di economisti e scienziati per certificare la bontà dell'operazione sotto tutti i punti di vista: economico, ambientale, sociale.

Grandi promesse quelle formulate nella ricerca "Il nucleare per l'economia, l'ambiente e lo sviluppo" commissionata al The European House-Ambrosetti e presentata oggi nella giornata conclusiva del forum di Villa d'Este. Che però contiene anche un monito: la tecnologia nucleare è materia complicata e impegnativa. Ha bisogno di un quadro di regole complesse. Che nostro governo ha ben imbastito. Ma che scontano qualche pericoloso ritardo in atti applicativi nevralgici (la stessa Agenzia per la sicurezza nucleare è ancora lontana dalla sua operatività) per dare certezze agli investitori e la necessaria dose di fiducia ai cittadini sulla corretta confezione del piano di battaglia.

Ottima sfida, garantiscono comunque gli esperti che hanno messo faccia e reputazione nella ricerca. Il ritorno a nucleare - argomentano - può regalare all'Italia corposi benefici su almeno quattro versanti. Il primo: così di generazione elettrica più bassi e stabili nel tempo. Il secondo: un ambiente più pulito grazie al significativo taglio della Co2 in un settore che ora contribuisce in maniera massiccia alle emissioni inquinanti. E anche questo garantisce vantaggi economici importanti visto che le quote aggiuntive di anidride carbonica vanno compensate con l'acquisto a caro prezzo i diritti di emissione.

Terzo punto: le ricadute economiche e occupazionali degli investimenti per costruire impianti. Quarto punto: la sicurezza del sistema energetico nazionale che sarà garantita dall'affidabilità ormai assoluta – giurano gli estensori della ricerca – delle centrali nucleari, e da una diversificazione delle fonti di approvvigionamento davvero indispensabile per il paese che più al mondo importa energia e che dipende dall'estero per l'86% del fabbisogno primario affidandosi per tre quarti (un record anche qui) ai combustibili fossili.

Ad ognuno di questi punti la ricerca dedica corpose argomentazioni analitiche. I vantaggi economici e ambientali? Una quota del 25% di nucleare nel mix italiano di generazione (l'obiettivo tracciato dal governo Berlusconi e che il consorzio Enel-Edf vorrebbe coprire per metà con quattro centrali da 13mila megawatt totali con un investimento vicino a 20 miliardi di euro) potrebbe garantirci tra 2020 e il 2030 minori emissioni per 400 milioni di tonnellate di CO2 e minori costi di generazione per 70 miliardi di euro. Questo se il programma nucleare verrà accelerato al massimo, consentendoci di correggere non poco gli altri due scenari simulati dagli analisti: quello tendenziale, che a fronte di una nuova vivace crescita dei consumi elettrici senza interventi potrebbe far crescere le emissioni di un ulteriore 40%, è quello che simula invece la saturazione di tutte le nostre potenzialità delle energie rinnovabili, che a fronte di una stabilizzazione (e non di un taglio) delle emissioni complessive a fronte di un aumento dei consumi farebbe però schizzare in su di un ulteriore 20% il costo della nostra elettricità.

I vantaggi economici complessivi per il sistema Italia? Almeno il 65% del business nella costruzione delle centrali potrebbe essere assegnato ad aziende nazionali, che ne potrebbero fare un trampolino anche per il nucleare mondiale, che solo per i reattori già pianificati vale tre 400 e i 500 miliardi di euro. I benefici all'occupazione? Ognuno degli otto reattori Epr necessari a farci raggiungere il 25% di energia nucleare italiana darebbe lavoro a 9mila persone in fase di costruzione e a 1300 in fase di esercizio.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi

302 Found

Found

The document has moved here.